Se ti piace il mio blog clicca qui

lunedì 20 giugno 2011

Frittata agli spinaci ripiena




Alzi la mano chi sa dove hanno avuto origine le frittate! Eh sì perché seppure ben presenti sulle nostre tavola dai tempi che Berta filava, le frittate sono tutto tranne che invenzione italiana, francese o europea in genere; l'uso di battere l'uovo e di usarlo come una colla per legare altri cibi è di origine africana e sono stati gli antichi romani che, partiti alla volta di Cartagine, hanno appreso e portato in patria questo modo di cucinare. Il dove per cui si sa, il come una frittata sia nata almeno io non lo conosco, chissà se è stato per sbaglio oppure perché, visto le temperature più alte, gli africani non stessero cercando un modo per gustarsi le uova e allo stesso tempo conservarle più a lungo. Tant'è che da quei tempi le frittate sono state sempre presenti nelle nostre tavole, soprattutto d'estate visto che si possono preparare in breve tempo e ci sono molte più cose da metterci dentro. Nella mia vita un bel panino con la frittata non è mai mancato, soprattutto quella con le patate, me lo portavo spesso in università, poi sul lavoro come pranzo e anche adesso mi fa da compagno di viaggio quando affronto lunghi viaggi e non ho tempo per fermarmi a mangiare da qualche parte.
Ieri sera ho fatto proprio una frittata, sarà magari stato per dare un tocco di estate ad una giornata pessima meteorologicamente parlando: dal mattino presto, infatti, Trieste si è presentata piena di nuvole, con scrosci di pioggia forte e pure qualche raffica di bora; con occhietto lucido ho guardato per un pò la borsa da mare che avevo preparato e contemporanemante "spiavo" i servizi meteo su web dove i più informati riportavano raffiche di vendo a 70 km/h...e vabbè confidiamo nel prossimo fine settimana.
Ma dunque ecco la mia frittata fatta con formaggio grattugiato e spinaci, per cui mi sono data una bella ricaricata di ferro, e farcita con prosciutto cotto e scamorza affumicata per renderla un pò diversa dal solito. Io do le dosi per due persone, ma sono un pò abbondanti, ognuno poi è libero di aggiustarsele a suo piacimento o variare; ecco cosa ho usato io:

4 uova
100 gr di prosciutto cotto
100 gr di scamorza affumicata
250 gr di spinaci
50 gr di formaggio grattugiato (io Il grattugiato In.al.pi)
sale, pepe
Per prima cosa si lessano gli spinaci in abbondante acqua salta, una volta scolati vanno poi tritati finemente e messi da parte. Si taglia a fettine la scamorza e la si mette da parte. Si battono quindi in una ciotola le uova, si aggiunge il formaggio grattugiato, io ho usato Inalpi perchè ha un sapore giusto nè troppo dolce nè troppo salato,  e si mescola bene. Alla cremina ottenuta si aggiungono gli spinaci e si regola il tutto di sale e pepe, si lavora il tutto per distribuire omogeneamente gli spinaci poi si prende una teglia da forno, io rettangolare 13x19 cm, e vi si versa metà del composto, sopra questo si mette uno strato di prosciutto e uno strato di scamorza. Si copre il tutto con il resto del composto di uova e spinaci, si livella bene e si fa cuocere in frono a 190° per 20-25 minuti. Prima di servirla, lasciar raffreddare qualche minuto fuori dal forno. Questa frittata è buonissima sia tiepida che fredda.



21 commenti:

  1. La frittata non delude mai. Questa tua proposta è molto gustosa. Buona settimana. :)

    RispondiElimina
  2. grazie Fr@, buona settimana anche a te

    RispondiElimina
  3. E' proprio piacevole questa frittata, l'idea è originale, di sicuro la proporrò una delle prossime serate...Piacere di averti conosciuta un saluto da Pat e Spery

    RispondiElimina
  4. non ho mai provato a farla nel forno, bellissima idea. Grazie anche per il sostengo morale! Un abbraccio Helga e ronron Magali

    RispondiElimina
  5. Io alzo la mano... ma per prendere una fetta di questa delizia, si comincia la settimana deliziosamente, grazie!

    RispondiElimina
  6. @pat & spery: è un piacere anche per me aver fatto la tua conoscenza

    @Helga e Magali: grazie, un abbraccio

    @Barbara: ordine ricevuto, fetta in partenza :-)

    RispondiElimina
  7. a me gli spinaci piacciono tanto e per di più quando li cucino , non solo mi lecco i baffi che non ho ma godo anche del dispettuccio che riesco a fare a mio figlio , che mangia tutto , veramente tutto ma che proprio non sopporta questa verdura , lui innoridirebbe davanti a tanta bontà e mi sa proprio che appena mi fa arrabbiare uso questa ricetta per far dispetto a lui mentre io mi godo una bella cenetta

    RispondiElimina
  8. Stefania che meraviglia di frittata, mi piace tutto, gli spinaci, prosciutto cotto ecc. è stupenda, io adoro queste cose, con dentro un sacco di altre cose, mi piacciono proprio...bacio

    RispondiElimina
  9. qualsiasi siano esse le origini e' una goduria!!!!!grazie per il commento!!!!

    RispondiElimina
  10. @Housewives: sto morendo dalle risate per i tuoi dispettucci al bimbo..ahah che belle le punizioni moderne altro che in ginocchio sui ceci.

    @Tamara: grazie carissima, anche a me piace motlo qualsiasi cosa che all'interno ne ha tante altre, baci

    @Graal77: grazie a te, buona giornata

    RispondiElimina
  11. Ma che bella idea, a volte non pensi a certi abbinamenti e questi sono molto gustosi.
    La proverò.
    Mi diaspiace per il brutto tempo ... al contrario qui a MI caldo ma ventilato.
    Rimandata la partenza per febbrone Orsomio ... mercoledì dovrei essere sui nostri monti.
    Mandi

    www.ilfogolar.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. Rosetta credo che stai contando le ore che mancano alla tua partenza, vedrai che la febbre del tuo orso passerà prestissimo eppoi l'aria di montagna è meglio di qualsiasi antipiretico, fa subito star meglio. Se fai una gita verso Trieste fammi sapere.
    Mandi

    RispondiElimina
  13. Fa venir davvero voglia di essere mangiata!

    RispondiElimina
  14. Ciao Stefania! Che voglia di frittata mi hai messo, anche se non sono una grande amante!! La tua idea di farla ripiena di cotto e scamorza la rende irresistibile, me la mangerei subito! grazie anche per la nota storico-geografica, non sapevo fosse di origine africana, bello!! A presto!

    RispondiElimina
  15. Me le immagino monoporzione con una insalatina leggera...perfetti!

    RispondiElimina
  16. Buona! A me piace molto la frittata ma ripiena non l'ho mai mangiata...la proverò...(il burro salata per dargli un tocco e un sapore in più visto che è un ingrediente che conosco poco...) ;-) CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  17. Ciao tesoruccia!!
    Finalmente riesco a passare da te, il pc del mio ragazzo è andato in ferie e io solo da poco sono arrivata a casa, con tanta gioia finalmente entro nel blog! Questa fritata deve essere super squisita, io agli spinaci l'ho sempre fatta classica, con il tuo ripieno acquista sicuramente tanto tanto gusto, la proverò sicuramente. Anche io amo la frittata di patate, è la mia preferita in assoluto, e poi nel panino sai quante volte l'ho mangiata anche io?? ^-^ Brava brava brava! Sai che sto ancora pensando all'albero che ti "sputava"??? hihihhihi un bacio super grande tesoro

    RispondiElimina
  18. @tinny: sì è molto appetitosa

    @sara: grazie a te per essere passata

    @sonia: sì monoporzione e insalatina sono l'ideale.

    @silvia: grazie per la tua precisazione sul burro salato, mi aveva incuriosito quando ho letto la tua ricettina.

    @Vale: l'albero è andato in sciopero sai, per cui ora starò moolto attenta a quale sarà la prossima catastrofe

    RispondiElimina
  19. ha un aspetto davvero invitante!!!! interessantissima anche la tua spiegazione storica! ;)

    RispondiElimina
  20. carissima amica,

    Non capita tutti i giorni, di leggere una ricerca storica sulla frittata. L'origine Africana, la culla dell'umanità, da quel continente ognuno di noi ha un antenato. Dovremmo ricordarcelo che quelle popolazioni sono nostri lontani parenti.
    Veniamo a noi... Frittata con formaggio e spinaci: esiste qualcosa di più buono? Forse sì. Ma la semplicità unita alla bonta di questo piatto, che non và preso sottogamba, è unico al mondo. Gli Spagnoli l'hanno fatto diventare il loro piatto nazionale (ad maiora). Te lo immagini un pranzo con la tovaglia distesa sul prato senza la frittata? Impossibile!
    Pertanto ti faccio i miei più sentiti complimenti per la tua pubblicazione veramente completa.

    sergio

    RispondiElimina
  21. @Glo83: grazie carissima, buona giornata

    @sergio: molto spesso si trascura il fatto che dietro un piatto che consideriamo semplice e vecchio ci siano delle storie tanto affascinanti. E il pranzo eccome se me lo immagino, è bellissimo passare le giornate sui prati a sentire solamente il profumo e i rumori della natura.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...