Se ti piace il mio blog clicca qui

mercoledì 7 settembre 2011

I lombrichelli viterbesi al ragù



Quando ho visto che veniva ripresentato il contest sulle paste regionali dalla Molino Chiavazza sono stata molto felice perché ho visto il modo per presentare una ricetta tipica del mio paese di origine che si trova in provincia di Viterbo; la ricetta tipica che ho scelto è quella dei lombrichelli, una ricetta per me legata a tanti ricordi e tante mangiate fatte a casa dei nonni materni e fatta solamente con farina e acqua. Elemento essenziale per il contest è l'uso di strumenti storici, per i lombrichelli servono una spianatoia e le mani per impastare e i miei strumenti sono stati la spianatoia regalo di nozze di mio nonno a mia mamma (ben 36 anni fa) e le mani sono quelle più dolci che io conosco, sono quelle di mia mamma. 
Il piatto appartiene alla tradizione culinaria povera; come ho detto prima, viene fatto solo con farina e acqua e un pizzico di sale, da questi ingredienti si ottiene un impasto che si inizia a filare fino a formare degli spaghettoni. Era il piatto tradizionale di chi lavorava tutto il giorno in campagna, era nutriente, si faceva con ingredienti che tutti avevano e soprattutto saziava; le mani della padrona di casa ancora stanche dal lavoro dei campi, impastavano questa pasta morbida e tuffare le mani in acqua e farina doveva essere proprio un bel sollievo dopo averle tenute tutto il giorno esposte a mille intemperie. Questa era anche la ricetta dell'iniziazione culinaria delle bambine, essendo semplice da fare le mamme la insegnavano alle figlie maggiori sia per introdurle nell'arte culinaria sia perché se rientravano troppo stanche avevano un aiuto valido nella preparazione del cibo, eh si perché quella volta si smetteva molto presto di giocare con la bambole per diventare, appena tornati da scuola, donnine di casa. Ma ecco la ricetta, a cui sono molto affezionata, perché era di mia nonna e prima di lei di sua mamma e prima ancora di chissà quale mia antenata:

300 gr di farina 00 (io Molino Chiavazza)
100 gr di farina di semola rimacinata (io Molino Chiavazza)
acqua tiepida q.b.
un pizzico di sale
Si setacciano le due farine e le si dispongono a fontana su una spianatoia, si versa un po' di acqua e si inizia a impastare, poi si aggiunge il sale e ancora acqua, poca alla volta, finché non si ottiene un impasto morbido ma non troppo; si forma una palla e la si lascia riposare sulla spianatoia per 30 minuti

Aggiungiamo acqua
Impastiamo









 
Saliamo
Formiamo una palla









Trascorso questo tempo, dalla palla si allunga un po' di pasta e la si fila, come si fa con il fuso, fino a formare uno spaghettone non troppo sottile e della lunghezza desiderata. Li si lasciano riposare per una decina di minuti sulla spianatoia e poi si cuociono in abbondante acqua salata e come vengono a galla sono cotti.

Filiamo la pasta
I lombrichelli









Il condimento tradizionale è abbastanza semplice, in genere era un classico ragù di carne mista perché chi aveva campagna molto spesso avevo anche gli animaletti da cui ricavare la carne, oppure una salsa di pomodoro semplicissima e profumata dalle verdure dell'orto che specialmente la stagione estiva regalava ai contadini. Io ho condito il mio piatto con un bel ragù di carne mista, con macinata di manzo, maiale e anche una bella salsiccina morbida sbriciolata. Il tutto si porta in tavola con un bel bicchiere di vino rosso, perché come mio nonno diceva, non c'è niente di meglio di un bel bicchiere di rosso per risollevarsi dalla stanchezza del giorno e riscaldarsi le ossa.


54 commenti:

  1. Ma che belli, e che semplicità unica quest'impasto! Il ragù deve renderli davvero speciali, questi lombrichelli! Sei stata precisissima!

    RispondiElimina
  2. Non conosco questa pasta ma da quello che vedo sono molto invitanti . Che fame!

    RispondiElimina
  3. @Raffaella: si sono molto semplice, ma il ragù li rende un piatto da re e se poi spolveri il tutto con un pò di formaggio grattugiato allora...

    @Mary: si lo sono tantissimo, bacione

    RispondiElimina
  4. Ma li si rotola a mano fino a farli diventare sottili come degli spaghettoni?
    Complimenti per la ricetta, ma questa volta i complimenti più grandi vanno alla mamma...

    RispondiElimina
  5. Stefania poche parole per dirti: sono a pranzo da teOk?!!Bacioni!

    RispondiElimina
  6. Ma che bella questa pasta....in bocca al lupo per il contest...

    RispondiElimina
  7. @Ilaria: sì è tutto un lavoro di mani, riferirò i complimenti, baci

    @Ka': vieni vieni, c'è posto

    @Artù: grazie e... crepi il lupo

    RispondiElimina
  8. Buoni!!! Mi fai riprendere voglia di rifarli!! Noi li chiamiamo gli umbricelli!!! al ragù sono fantastici, con qualsiasi condimento sono fantastici!! Bravissima tesoro!! Grazie di averla postata!|!! Un bacione tesoro!!! Una ricetta fantastica, ti sono venuti una favola!!

    RispondiElimina
  9. Che buona la pasta fresca! Una meraviglia questo piatto! :)

    RispondiElimina
  10. piatto proprio azzeccato per far venire fame !! in bocca al lupo per il contest ;)

    RispondiElimina
  11. ciao Stefania, bellissimi, sono tipo i nostri pici, senza semola, noi mettiamo solo la farina 0, sono buonissimi a me piacciono conditi in vari modi, ma la loro morte sono i sughi di carne, importanti....baci carissima

    RispondiElimina
  12. che bella la tradizione della pasta fatta in casa in tutto il nostro paese,dalle alpi al mediterraneo!!!alla facciaccia di chi ci definisce 'spaghetti e mandolino'...vorrei vedere io se non si lecca i baffi con una prelibatezza così!BRAVA!
    smack,Marika

    RispondiElimina
  13. Stefania carissima che brava che sei una pasta fatta in casa in modo meravigliosi, anche se il loro nome fa un po' impressione ahha!!!devo dire che sono una delizia e poi conditi con quel bel ragu' quasi quasi vengo da te!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  14. In bocca al lupo per il contest!
    Per me hai già vinto, anche la mamma però...,
    sono meravigliosi viene voglia di tuffarsi nello schermo:)
    Baci

    RispondiElimina
  15. @maria luisa: non sapevo si facesso anche in Umbria, un bacione carissima e buona giornata

    @Elisa: grazie

    @palepinkradish: in effetti è molto appetitoso, baci

    @Tamara: è vero, mi ricordo di quando poco tempo fa li avevi postati, bacione

    @marika: concordo con te, veniamo presi in giro per piatti che poi stendono tutti da quanto sono buoni e carichi di tradizione. baci dolcissma

    @Rossella: ma sai che io da piccola piccola non li mangiavo perchè pensavo fossero lombrichi veri, poi crescendo ho scoperto la verità e non ho più smesso di mangiarli. un abbraccio

    @carla: crepi il lupo!! grazie, un bacione

    RispondiElimina
  16. complimenti per il piatto e grazie per avere condiviso con noi un pezzettino della tua storia

    RispondiElimina
  17. che carini questi lombrichi! :) adoro la pasta fatta in casa! inbocca al lupo x il contest!!

    RispondiElimina
  18. devono essere buonissimi... me li segno per provarli!! In vacanza andiamo a San Quirico d'orcia... a vederlo su internet sembra molto bello, speriamo nel tempo!!

    RispondiElimina
  19. Hai ragione, piatto semplice con un sugo da re. Bravissima, un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. ha sempre il suo fascino la pasta fresca! complimenti!!

    RispondiElimina
  21. Complimentiiiii Stefania sono meravigliosiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  22. @paola: prego e grazie a te per essere passata.

    @vicky: crepi il lupo, piace molto anche a me la pasta fatta in casa, in genere quando vivevo ancora con i miei era la pasta della domenica, bacio

    @elena: quella è una zona bellissima, io abitavo a un'oretta da lì, hai dei paesaggi indimenticabili e piccoli borghi da visitare, baci e buona vacanza

    @girigiola: anche a me :)

    @Tinny: grazie un abbraccione a te e un osso polposo a Warrick

    @Federica: grazie, un abbraccio

    @laura: grazie, girerò i complimenti a mia mamma visto che le mani in pasta ce le ha messe lei, bacioni

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia Stefania, compresa la sequenza fotografica che illustra i passaggi per ottenere una pasta fresca dall'aspetto...divino!!!! :))
    Bacioni

    RispondiElimina
  24. complimenti alla tua manualita',sei proprio brava!!!Che bel piatto!
    grazie per avermi consigliato la soda per i bretzel,mi vado a documentare meglio per la prossima volta!Un bacio!!!

    RispondiElimina
  25. Mamma mia che squisitezza!!!!!!!!!!! Complimenti Stefy!!! :-)
    PS - io e il cteriolino stiamo benone! Grazie 6 un amore! Kiss

    RispondiElimina
  26. Como todo lo que tu haces, este también es un plato delicioso, amo la pasta y si es casera muchísimo más.
    Amiga se ve muy rica.
    Besitos.

    RispondiElimina
  27. Ottima questa pasta casalinga, complimenti Stefania!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. @Assunta: grazie delle tue parole, un abbraccio

    @frogghina: prego, ma questa volta la manualità è di mia mamma; un bacioe

    @kiara: grazie a te e al cetriolino ;)

    @Azucar, canela y miel: gracias amiga

    @speedy70: grazie :)

    RispondiElimina
  29. buonissimi,questi lombrichelli ti invitano a nozze :)
    ciao cara,baci

    RispondiElimina
  30. Complimenti davvero nel fare questa pasta in casa.... mai visti....un formato simpatico e vedo che legan bene con il sughetto!
    complimenti!

    RispondiElimina
  31. è bellissima la storia e i ricordi legati a questa pasta, e poi è davvero invitante. un bacio!

    RispondiElimina
  32. Che meraviglia questa pasta , non la conoscevo , è davvero curiosa , complimenti anche alla mamma !!
    Le paste fatte in casa hanno un fascino particolare , perchè sono legate ai nostri ricordi più cari , un bacione

    RispondiElimina
  33. @franca: grazie mille, un bacione

    @terry: si legano benissimo con i sughetti, baci e grazie

    @Angela: grazie, un bacio

    @la pasticciona: è vero i nostri ricordi impreziosiscono le ricette "di casa", un bacione

    RispondiElimina
  34. Ciao, come vedi ho ricambiato la tua visita; mi ha fatto molto piacere trovarti. Vedo che le tue ricette sono interessanti: mi piace questo tipo di pasta per me insolito! Mi segno la ricetta... A presto.

    RispondiElimina
  35. @Molly: grazie mille, a presto e buona serata

    RispondiElimina
  36. Pasta fresca fatta in casa....una delizia,sei bravissima!
    Un saluto.

    RispondiElimina
  37. Brunella la pasta fatta in casa è sempre la più buona vero?, un saluto e ancora auguri a tua nipote

    RispondiElimina
  38. Ma che bella questa pasta! Complimenti!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  39. Boniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii! Mia suocera fa qualcosa di simile, lei però li chiama gnocchi, mentre noi per gnocchi intendiamo quelli di patate, sei una donna dalle mille risorseeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee BACIO SILVIA

    RispondiElimina
  40. E' un capolavoro questa pasta, semplice ma tanto gustosa, complimenti davvero Stefania!! Un bacione

    RispondiElimina
  41. @miranda: grazie mille

    @silvia: mille no una decina sì ;) baciuzzi

    @sar@: grazie, buona notte

    RispondiElimina
  42. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  43. che brava!!anche la pasta fatta in casa..sai ke buona con il ragù..complimenti!!

    RispondiElimina
  44. Stefaniaaaaaaaaaaaaaaaaaa: non ho capito bene....vieni in Piemonte? con Atmosfera Italiana? ma quindi hai vinto il contest? wow
    Mi rispondi di là da me (perchè oggi non passo fino a sera, almeno di là ho la notifica e la leggo in tempo reale!)....magari riusciamo ad incontrarci! bacio

    RispondiElimina
  45. @Tina: è ottima con il ragù, bacioni

    @Artù: eh si sono io che ho vinto, bacione

    RispondiElimina
  46. Buoni Buoni. Complimenti alla mamma e a te.

    RispondiElimina
  47. grazie, riferisco, bacione Fr@

    RispondiElimina
  48. Ciao Stefania che buoni, non conoscevo questa pasta. Un grande in bocca al lupo per il contest, un bacione!!

    RispondiElimina
  49. Complimenti x la vittoria!!!!!!!!! Brava Stefania!!!!!!!
    Baci Maty

    RispondiElimina
  50. Bravissima Stefania,complimenti per la vittoria meritata.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...