Se ti piace il mio blog clicca qui

martedì 14 febbraio 2012

Il maritozzo laziale

@http://nuvoledifarina.blogspot.com. Il maritozzo è un dolce tipico laziale e soprattutto tipico della cucina romana, è buonissimo ed è una sorta di panino dolce allungato arricchito da uvette e profumo di arancia, il suo nome deriva dal fatto che questo dolce veniva dato alle fanciulle prima del matrimonio dai futuri mariti. Per anni, e ancora oggi, il maritozzo è stato la mia colazione per eccellenza, se ruscivo me lo mangiavo a casa acompagnandolo con una bella tazza di latte e caffè altrimenti me lo mangiavo in strada e lo mangiavo o così semplice o, come da tradizione, tagliato nel mezzo e farcito da sofficissima panna montata; a dire il vero anche con ricotta e nutella o solo nutella non è affatto male. Nel mio paesino in prov di Viterbo, ogni forno ha in vendita un bel vassoio di maritozzi e passare alla mattina prestoe  sentire il loro profumo nell'aria è un qualcosa di paradisiaco. A Trieste, invece, i maritozzi non si trovano per cui me li faccio da sola, ma non li faccio sempre perché visto che rappresentano un qualcosa a cui sono molto legata preferisco prepararli quando voglio donare un pezzetto di me a qualcuno e dire in questo modo "ti voglio bene". Li ho preparati proprio ieri e serviti al mio compagno e ai miei genitori perché questo era il messaggio che volevo trasmettere loro. La ricetta che ho usato gira per casa mia da anni se non secoli, ed era stata lasciata a mia nonna da una cara amica di famiglia, che, a sua volta, l'aveva avuta da una vicina di casa, una signora che si preparava maritozzi ogni giorno per colazione e che grazie a questa sua abitudine inebriava di profumi l'intero parco Virgiliano a Roma. Ma ecco i miei maritozzi:


per i maritozzi occorrono:

350 gr di farina (io dolci e sfoglie di Rosignoli)
1/2 cubetto di lievio di birra
100 gr di zucchero
un pizzico di sale
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 uovo 
1 tuorlo
140 ml di acqua tiepida
150 gr di uvetta ammollata in acqua
Iniziamo sciogliendo in un goccio di acqua con un pizzico di zucchero il lievito di birra, lasciandolo in soluzione per almeno 10 minuti. In una ciotola setacciamo metà della farina, aggiungiamo lo zucchero, l'acqua rimasta e uniamo il lievito sciolto. Copriamo e lasciamo lievitare per 30 minuti in luogo caldo. Trascorso questo tempo riprendiamo l'impasto e aggiungiamo l'uovo intero e il tuorlo e facciamo incorporare bene il tutto, poi aggiungiamo l'olio di oliva e quando questo si è ben amalgamato versiamo l'altra metà della farina. Richiudiamo la nostra ciotola e mettiamo di nuovo a lievitare finché la massa nonm è raddoppiata. A questo punto versiamo il tutto su una spianatoia infarinata e aggiungiamo le uvette, dopo averle ben scolate eleggermente infarinate; impastiamo bene e allunghiamo la pasta formando un cordone non troppo sottile. Tagliamo il cordone in pezzi da 5 cm ciascuno, a ogni pezzo andremo a dare la forma di una palla che poi schiacceremo leggermente e allungheremo alle estremità, questi sono i maritozzi che metteremo su una teglia coperta di carta forno e faremo lievitare per ulteriori 30 minuti. A questo punto li spennelliamo con un goccio di latte e siamo pronti per metterli in forno pre-riscaldato a 200° e farli cuocere per 15 minuti.
Io i miei maritozzi li ho lasciati così semplici, ma se si vuole lucidarli allora appena tolti dal forno vanno spennellati con uno sciroppo ottenuto facendo bollire acqua e zucchero.
I maritozzi sono pronti, lasciamoli freddare e se vogliamo gustarli come da tradizione apriamoli da un lato:


e riempiamoli con dell'ottima panna montata:




66 commenti:

  1. c'era una fiaba che leggevo da piccola che si chiamava "maritozzi alla panna"... non ci avevo più pensato fino ad ora! Dovrò provarli prima o poi :)

    RispondiElimina
  2. non lo conoscevo.. ma è meraviglioso,chissà poi che bontà!!

    RispondiElimina
  3. Direi un dolcetto perfetto con la giornata di oggi!

    RispondiElimina
  4. Stefania, mi piace molto. Se non ti dispiace me la prendo da fare tra qualche mese nelle mie lezioni di cucina regionale.
    Mi tenti a mettere le mani in pasta, peccato che adesso proprio non ci riesco ;-) Uffina ;-)

    RispondiElimina
  5. Questo si che è amore!!!
    Li ho assaggiati a Roma e so che sono buoni, i tuoi home made lo saranno ancora di più sicuramente!!! Magica come sempre!!! Stupendi anche i budini di ieri, un grosso in bocca al lupo per tutti i contest (per me vinci sempre!!) Bacioni

    RispondiElimina
  6. Buon S.Valentino cara Stefania!!!!E quale miglior modo per festeggiare l'amore se non con questi GOLOSI MARITOZZI????
    Buoni davvero e bravissima TU!!!!! Un gesto d'amore coccoloso....Un bacio e passa una splendida giornata!!!!

    RispondiElimina
  7. Buona giornata romantica ! Io che son laziale i maritozzi li conosco bene :) Ste

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia Stefania! Una colazione cosi sarebbe il mio sogno......che spettacolo davvero.....

    Ps. Per il bento appena ci sentiamo ti racconto!!

    RispondiElimina
  9. O mamma mia!!! che mi hai fatto ricordare!!!! Circa più di 15 anni fa.. all'uscita dalla discoteca circa le 4 del mattino..andavamoa fare colazione "dar maritozzaro"... che buoni erano quelli con la panna!!! mi sembra di sentirne ancora il profumo! Ottima la tua versione.. Buon S. Valentino .-) bacioni

    RispondiElimina
  10. bbbboniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii i maritozzi!!!!!!Non li ho mai fatti ma....li adorooooooooooooooooooooo, belli da vedere e squisiti i tuoi Stefy!!!!Un bacione grande grande e felice giorno degli innamoratiiiiiii:-))))

    RispondiElimina
  11. Sono di Roma e conosco bene questi maritozzi favolosi e conosco il loro profumo!!!Tu sei stata bravissima a farli e mi segno la ricetta!!!Comunque la morte loro e' ripieni di panna sono qualcosa di favoloso!!!Un abbraccio e buona festa dell'amore!!!

    RispondiElimina
  12. Ci affonderei tutto il viso in un bel maritozzo così!!!!

    RispondiElimina
  13. belllisssimi e sicuramente buonissimi! mai sentiti... li prepari anche per me? hihihihih bacione

    RispondiElimina
  14. non li ho mai mangiati ... ma li sto divorando con gli occhi adesso!

    RispondiElimina
  15. che bella la storia dei maritozzi ed e' ancora piu' bello il tuo pensiero di farli come segno d'amore! io me li mangrei con un sacco di nutella:-) un abbraccio

    RispondiElimina
  16. il maritozzo e' strabuono!!!!!!!
    nel carpigiano lo si mangia strapieno di gelato!

    RispondiElimina
  17. Ne ho sempre sentito parlare, ma non li ho mai fatti..nè mai assaggiati.. dai, apri la porta che sono fuori casa tua per mangiarmene uno :-)! buonissimi!
    brava

    RispondiElimina
  18. Ma che bella la storia di questa ricetta tramandata tra vicine e poi di generazione in generazione, hanno un aspetto fantastico e li hai preparati per un bellissimo scopo, complimenti!

    RispondiElimina
  19. Io li ho sempre e solo visti ripieni di abbondante panna montata e sono una vera gioia per gli occhi. Certo che mangiarsene uno alla mattina ti dà una vera carica per affrontare tutto il resto della giornata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  20. @monica: non conoscevo questa fiaba, mi documenterò

    @elena: prova è una goduria e sicuramente ne impazzirà il tuo bimbo

    @mary: grazie mille

    @anna: prendi pure, mi fa molto piacere. un abbraccio

    RispondiElimina
  21. @carla: sono buoni i maritozzi vero? un grande sfizio!! un bacio carletta

    @renata: buon s. valentino a te, dolcissima bimba. un abbraccio

    @palepinkradish: e che boni vero?

    @artù: una colazione così rimette a nuovo, qualsiasi giornata prende la giusta piega

    RispondiElimina
  22. @claudia: er maritozzaro...il mio mito, come i panini dello zozzone!!

    @yrma: devi rimediare e prepararli, rimarrai conquistata

    @rossella: eh si la morte loro è con la panna montata, un bacio

    @pan di zenzero: a chi lo dici!!!

    RispondiElimina
  23. @giulia: vieni che ce n'è rimasto uno solo!!!

    @batù: devi provarli allora, sono una goduria unica

    @ombretta: anche con la nutella hanno il loro perché di vita, ti consiglio comunque di aggiungere un'abbondante splamata o di panna o di ricotta

    @carla: lo voglio provare!!! è una versione estiva davvero golosa

    RispondiElimina
  24. @luisa: attenta alla neve e al ghiaccio allora!!! sali che ne è rimasto uno

    @francesca: grazie mille

    @ilaria: guarda per me che mi svegliavo alle 6 del mattino erano un vero toccasana, l'unica cosa che mi toglieva il grugnito della sveglia all'alba!

    RispondiElimina
  25. e' sempre bello leggere le introduzioni delle tue ricette e poi alla fine scoprire queste delizie veramente gustose!

    RispondiElimina
  26. Quanto sono buoni!! Mi sembra di sentire il profumo dell'uvetta!! ^_^

    RispondiElimina
  27. mai assaggiati ma prima o poi li voglio provare

    RispondiElimina
  28. Che bel significato che hanno per te questi dolci! A casa mia piacciono a tutti, anche se non li mangiamo spesso:)
    tengo presente questa ricetta nel mio elenco di fiducia!
    a presto:**

    RispondiElimina
  29. @cinzia: grazie mille per le tue belle parole

    @micol: grazie ^^

    @elena: se li provi fammi sapere, un abbraccio

    @Tantocaruccia: grazie carissima, un abbraccio

    RispondiElimina
  30. che buoni che sono!!! mi ricardano quando nel 2000 abitavo a roma, e ti dirò di più, la settimana scorsa ero in mezzo alla neve tra Castel Gandolfo e Rocca di papa e me ne son fatto una bella scopracciata, provo sicuramente i tuoi e son sicuro che piaceranno anche alla mia piccola principessa Ginevra!

    RispondiElimina
  31. Le ricette di famiglia sono un bene prezioso e vanno conservate gelosamente, preparate ed offerte alle persone a noi più care, come tu hai fatto, in segno del nostro affetto e del nostro amore! :-)
    ..te ne è rimasta una sola? peccato, anche io l'avrei mangiata, pardon, DIVORATA volentieri!!!! ;-)

    RispondiElimina
  32. Cara Stefania è il caso di dire "Boni!".
    Grazie per aver condiviso questa antica ricetta.

    RispondiElimina
  33. Non sono laziale, ma questi maritozzi li adoro, splendida ricetta cara Stefania!!!!!

    RispondiElimina
  34. @max: hai visto quanta neve? un abbraccio a te, tua moglie e alla tua piccola

    @Assunta: ahaha e a dire il vero ora non c'è più nemmeno quello, dovrò rifarli

    @Fr@: hai ragione!!

    RispondiElimina
  35. @simona: quando la roba è buona non ha confini, un baciotto

    RispondiElimina
  36. Ma lo sai che non si trovano più i veri originali di una volta!!! Adesso se trovi, c'è lo psudomaritozzo, che in realtà è una sorta di cornetto tondo e allungato... ma senza l'aroma e l'essenza di quando ero moooolto giovane! Il top è decisamente con la panna!!! Mo li provo se non so come quelli che dico io M'arrabbio!!!! (Scherzo, è!!! Sicuramente se riempivano tutto il quartiere con il loro profumo... devono essere loro... poi ti faccio sapere!!!)

    RispondiElimina
  37. quanto mi piacciono e i tuoi sono bellissimi e buonissimi poi con la panna sono super buoni ciao :)

    RispondiElimina
  38. @elly: no dai da qualche parte ci saranno ancora!!!

    @dolci e fantasie: grazie ^^

    RispondiElimina
  39. nemmeno qui si trovano ma devono essere favolosi!!! mi ricorda tantissimo una tortina che mangiavo da bambina impacchettata singolarmente non ricordo di che marca....ma non sono mai riuscita a farla identica...sia mai che i tuoi maritozzi.....un bacione!!!

    RispondiElimina
  40. hahahah..appena ho iniziato a leggere il tuo post pensavo che maritozzo fosse tuo marito......sai com'è a S. Valentino.......comunque davvero fantastico con quella montagna di panna montata.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  41. bellissimi e super buoniiii...buon san Valentino

    RispondiElimina
  42. @pam: provali poi fammi sapere se sono loro..

    @sabina: ahahaha glielo dirò, un bacio

    @controtutti: grazie, buon san valentino a voi

    RispondiElimina
  43. Queste ricette tramandate e tramandate non hanno davvero prezzo. Bravisima, un abbraccio.

    RispondiElimina
  44. buono buono buono! Stefania se passi da Viareggio vieni a trovarmi. Io abito a Bozzano (uscita autostrada viareggio - firenze uscita Massarosa) via colle 8/d. mi farebbe molto piacere, Paola

    RispondiElimina
  45. Che belle queste ricette che sanno di casa e di famiglia, grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina
  46. Brava Stefania,i maritozzi con la panna sono meravigliosi.

    RispondiElimina
  47. Che meraviglia, devo per forza provare a farli! Grazie per la ricetta, un bacione :)

    RispondiElimina
  48. Sono buonissimi con la panna e i tuoi sono perfetti! Bravissima!!!!

    RispondiElimina
  49. E con questo ti sei beccata un bel 20 anche se il voto arriva fino a 10 (so de parte...)!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  50. Un salto indietro nel tempo a quando andavo a mangiarmelo con il nonno, che mi teneva per mano, la mia mano piccola, nella sua grande e protettiva, nel piccolo caffé sotto casa, lungo la Via Prenestina, appena passata Porta Maggiore, profumo di sogni e di cose belle....Un bacio Stefi, grazie per questa bella ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per aver condiviso questi tuoi teneri ricordi, un abbraccio

      Elimina
  51. Ma che meraviglia!! Non lo avevamo mai sentito ma con il tuo racconto ci verrebbe tanta voglia di trovarlo per la strada anche qui :) magari con un bel pò di panna montata!! Ma perchè qui non li vendono?? :( Rimedieremo provandoli a fare! Grazie
    Bau bau
    Ps. dì al pelosetto che vive con te di prepararsi a votare un bel NO ai botti e ai cappottini

    RispondiElimina
  52. i maritozzi!! quando vivevo a Roma ricordo la mia vicina di casa la domenica con quel vassoio di maritozzi con la panna! sai che non li ho mai assaggiati?!!! per la panna devo dire la verità! mi piace la tua versione con l'uvetta la preferisco! ciao cara!

    RispondiElimina
  53. @tinny: grazie cara, è proprio vero

    @paola: se rtiesco passo volentierissimo

    @letizia: grazie

    @mariabianca: piacciono anche a te?

    RispondiElimina
  54. @ornella: fammi sapere poi se ti piacciono, un abbraccio

    @sar@: grazie mille

    @silvia: ahahah un bacione bella

    @mirty: si si ha già preparato la penna

    @vicky: grazie cara ^^

    RispondiElimina
  55. Stefania, siento haber tardado tanto en visitarte, pero es que he estado bastante liada, veo que me he perdido muchas cosas ricas, pero prometo ponerme al día, unos bollitos deliciosos, que ahora mismo me comia uno, con tu permiso me lo llevo, besos

    RispondiElimina
  56. quanto vorrei farci la merenda,sembrano buonissimi!!!!

    RispondiElimina
  57. Buongiorno cara..mamma mia con quella panna non si può guardare hihihi lo voglio anch'io1!!!ciaoo

    RispondiElimina
  58. Ciao Stefania
    ma quante belle icette...madama dorè...mi unisco e da oggi ti seguo...certo che sto maritozzo alle 8,30 del mattino...slurp!

    RispondiElimina
  59. oh mamma!!! lo voglio, anzi lo devo assaggiare!!! con la panna!! ne ho sempre sentito parlare, ma non l'ho mai assaggiato!! che buono che deve essere...

    RispondiElimina
  60. @sofia aurora: besos querida!!

    @tina: lo sono, lo sono

    @tina: uno in arrivoooo, un baciotto

    @patate novelle: grazie e benvenuta

    @valentina: se provi ne rimani conquistato, lo giuro!

    RispondiElimina
  61. Mi piace la ricetta e mi piace la storia che hai raccontato ! Complimenti davvero!

    Un bacio

    RispondiElimina
  62. Buonissimo!
    Se ti va visita il blog ufficiale del programma televisivo "International Food: il mondo in tavola"

    http://internationalfoodbyelena.blogspot.com/

    Ciao a presto!

    RispondiElimina
  63. Ciao volevo avvisarti che sei in finale nel nostro contest con questa ricetta! I vincitori verranno decretati venerdì!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  64. @Elena: grazie mille

    @valentina: sono emozionatissima!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...