Se ti piace il mio blog clicca qui

martedì 6 marzo 2012

Cjalsons aromatici .... quanti modi di fare e rifare

©http://nuvoledifarina.blogspot.com. sono stata felicissima tempo fa quando Anna e Ornella mi hanno chiesto di partecipare attivamente al "Quanti modi di fare e rifare" con una mia ricetta e lo sono stata ancora di più quando la mia ricetta è stata associata a un mese per me festivo. La ricetta che tutti presentiamo oggi è quella dei Cjalsons aromatici, una pasta tipica del Friuli, una sorta di raviolo con ripieno agrodolce che può essere presentato come primo o come dolce. Io l'ho mangiato sempre come primo piatto e in tal modo lo propongo; la ricetta mi è stata data da una signora che lavorava in un ristorantino di Cormons dove veniva proposta cucina tipica friulana, oggi quel locale non c'è più perché è stato sostituito da una sorta di jazz restaurant e l'ambiente pieno di chiacchiere accogliente e festoso e il caldo e la luce del camino sono stati sostituiti da musica ad alto volume e da modernissime pompe di calore. Un vero peccato, e un vero peccato è anche per la cucina che propone piatti da tutto il mondo tranne che della zona, così ricca invece di bontà genuine e dal sapore di una volta. Tornando alla ricetta, ecco i miei cjalsons a cui questa volta ho apportato delle modifiche adattandomi a quello che avevo in casa, i cambiamenti li ho messi tra parenti:


Iniziamo a preparare l'impasto con (le dosi sono per due persone):

100 gr di farina 00
25 gr di burro fuso
5 gr di sale 
acqua q.b.
Disponiamo la farina a fontana sulla spianatoia, al centro mettiamo il burro fuso e il sale e iniziamo ad impastare aggiungendo poca acqua alla volta fino ad ottenere un composto morbido che lasceremo riposare per mezz'ora. Intanto prepariamo il ripieno con:

2 cucchiai di formaggio grattugiato, preferibilmente montasio
1 cucchiaino di cacao amaro (questa volta ho usato riccioli di cioccolato bianco)
la buccia grattugiata di un limone
1 mazzetto di erbe aromatiche a scelta (io basilico, prezzemolo, timo, salvia)
una manciata di pinoli (questa volta ho usato mandorle)
1 cucchiaio di pane grattugiato
1 cucchiaio di rum (io Stroh 80)
2 cucchiai di uvetta
Ho messo tutti gli ingredienti nel boccale del frullatore e li ho tritati grossolanamente. Ho poi messo da parte finché non è arrivata l'ora di lavorare di nuovo la pasta
Trascorsa la mezz'ora di riposo della pasta, ho ripreso l'impasto e l'ho steso con il matterello, formando una sfoglia sottile che ho tagliato in cerchi e farcito con il ripieno. I cjalsons cuociono in abbondante acqua salata finché non affiorano in superficie. Questa volta li ho portati in tavola umettandoli con un po' di burro fuso e spolverizzandoli con montasio e limone grattugiati. Qui c'è un piattino per chiunque voglia assaggiare:


Il prossimo appuntamento con Quanti modi di fare e rifare è per il 6 aprile per preparare la Schiacciata


69 commenti:

  1. Una versione molto interessante!!!
    I miei sono venuti una favola!! Grazie per la ricetta. Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ma che bella ricetta!molto gustosa tesoro bravissima!presentata anche molto bene :D

    RispondiElimina
  3. ciao Stefania,
    grazie per questa ricetta che ci ha dato modo di "conoscere" la Carnia e desiderare di vederla!!
    E' UNA VERA BONTA'!!
    Buona giornata e
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
  4. Grazie Stefania della tua stupenda ospitalità. La ricetta è veramente speciale.
    Torno dopo a leggerti con calma, ho preso il link.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Li adoro con quel contrasto dolce-salato.
    Se lo avessi saputo prima avrei partecipato anch'io a questo appuntamento mensile postando sul mio blog un'altra versione oltre a quella già pubblicata a suo tempo.

    RispondiElimina
  6. Io adoro questa ricetta, la mia prima del quanti modi di fare e rifare.....onorata di essere partita con i cjalsons !!

    RispondiElimina
  7. Che buono il ripieno per questa pasta. BRavissima!!!!

    RispondiElimina
  8. Stefania cara grazie mille per l'ospitalità e per la ricetta che è squisita! Io l'ho un po' "ellenizzata" con la feta ma è ottima! Da rifare molto spesso! E col cioccolato bianco mi piacerà ancora di più! Grazie ancora

    RispondiElimina
  9. Ma brava cara.. che ricetta meravigliosa! con quei sapori in contrasto, quell'agrodolce.. che fameee!! grazie per questa ricetta Stefania! baci

    RispondiElimina
  10. Non li ho mai assaggiati, ma sono sicura che mi piacerebbero, qui in zona (esattamente nel territorio di Crema) abbiamo i tortelli Cremaschi, che nel ripieno hanno: amaretti al cacao, uvetta, cedro candito, scorza di limone, un biscotto speziato, una caramella di menta, formaggio Grana, Marsala e altro. Conditi con burro, grana e salvia. Sono buonissimi e così a occhio devono essere parenti dei tuoi Cjalsons. Bravissima come sempre, anche nel adattare la ricetta con quello che avevi!!! Bacioni

    RispondiElimina
  11. Che ricetta stupenda!!!!!Complimenti davvero Stefania
    Un bacio!!!!!

    RispondiElimina
  12. Fortunatamente c'è chi come te continua ad apprezzare la tradizione e a perpetrarla con ricettine come questa!! Complimenti per la partecipazione "attiva" con questi bellissimi ravioli e a presto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Davvero particolare questa ricetta :-D

    RispondiElimina
  14. Buonissima questa ricetta!!!!l'ho vista già in altri 2 blog.. ma che bontà.. mi fate venire fame.. baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  15. Non li conoscevo ma mi smebra davver interessate il ripieno.. racchiudono davvero un gusto particolare! un bacio

    RispondiElimina
  16. assolutamente da provare,nn li ho mai assaggiati!!!!

    RispondiElimina
  17. mai assaggiati devono essere deliziosi. rispondendo alla tua domanda della gallinella è spinosa ma centralmene, se la prendi a filetti con un toglilische ce la fai tranquillamente. Io comunque era la prima volta, sai con il pesce sono sempre novella

    RispondiElimina
  18. sono davvero otttimi (anche se non sapevo cosa fossero) ..complimenti :)

    RispondiElimina
  19. bellissima questa versione... aspettami che arrivo da te per pranzo..

    RispondiElimina
  20. Assaggio molto volentieri, neanch'io li conoscevo...una meraviglia!!!!!!!!!!!buona giornata!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. Buoniiii.... non so se hai visto nell'altro post... cmq mi fa molto piacere che hai provato il riso!!

    RispondiElimina
  22. Prima d'ora non li avevo mai sentiti nominare ma devo dire che sono invitantissimi!!!!

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo assolutamente questa pasta (o dolce..) capita spesso nelle tradizioni regionali che una cosa che somiglia a un raviolo possa diventare un primo o un dolce, mi ispira molto in entrambi i casi;)
    a presto:**

    RispondiElimina
  24. @Solema: ti ringrazio, ora passo a vedere i tuoi purtroppo non sono riuscita a farlo prima. Buona giornata

    @Tina: grazie mille cara, un abbraccio

    @4 apine: grazie care e se passate da queste parti ditemelo!! mi farebbe piacere

    @anna: grazie a te per la tua gentilezza e disponibilità

    RispondiElimina
  25. Stefyyyyyyyyyy, sono appena stata da Emanuela e..adesso da te!sono spettacolariiiiii anche i tuoi!!!!!!Io la rubo la Stefyyyyyyyyyyy:-)))))))ti spupazzo un po',facciamo due chiacchiere, mi cucini questi cjalsons e..puoi tornare:-DDDDDDDDD

    RispondiElimina
  26. @francesca: puoi sempre unirti a noi al prossimo appuntamento, ci farebbe molto piacere e poi più si è e meglio è. un abbraccio

    @artù: sono contentissima che ti sia piaciuta!!!!

    @natalia: grazie cara, un abbraccio

    @ornella: mi stuzzica molto la versione ellenica ora vengo a vedere con estremissimo ritardo. un bacione

    RispondiElimina
  27. @luisa: grazie mille

    @carla: io non conoscevo i cremaschi ma mi sembrano buonissimi, vengo prima a spulciare nel tuo blog per vedere se li hai postati

    @renata: grazie mille

    @elisa: grazie mille per le tue parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non li ho mai fatti, ma sempre mangiati quando vado nei miei ristoranti preferite nella zona di Crema, ma se vuoi in rete c'è la ricetta e credo anche il sito ufficiale!!!
      Baci

      Elimina
    2. ahh e io che pensavo di scroccare un invito.... ;)

      Elimina
  28. Golosissima ricetta.
    Bacioni
    Nena

    RispondiElimina
  29. @paola: grazie mille

    @claudia: eh si il 6 ci accordiamo per affamare gli altri

    @v@le: grazie mille, si il ripieno è molto insolito ma che gusto

    @tina: grazie cara, se provi fammi sapere

    RispondiElimina
  30. Peccato che il locale non ci sia più, preferisco i locali tipici che propongono cucina locale.
    La tipologia di pasta mi piace molto. Anch'io ho messo le mandorle apposto dei pinoli.
    Grazie per la ricetta. :)

    RispondiElimina
  31. @elena: se vuoi provali sono decisamente buoni, grazie per le info sulla gallina e per il premio. un abbraccio

    @giulia: grazie mille

    @elena: sìììììì

    @mari e fiorella: grazie mille, sono contenta che vi piaciano

    RispondiElimina
  32. Ho visto anche gli altri preparati negli altri blog e siete state tutte davvero bravissime, un piatto che non ho mai assaggiato ma leggendo gli ingredienti mi ha incuriosito molto !!!Complimenti sei bravissima!!!

    RispondiElimina
  33. @Iva: si grazie cara ho visto, oggi vado a rilento con le risposte causa dolore a testa e occhi. un abbraccio

    @pan di zenzero: è il bello dei blog far conoscere le piccole realtà

    @Clà: è vero, le ricette tradizionali passano spesso dal dolce al salato solo camabiando pochissimi ingredienti

    @Yrma: ci sto per la prima parte, però poi guarda che è difficile rimandarmi indietro

    RispondiElimina
  34. @cristina: grazie mille

    @nena: grazie, un bacione

    @Fr@. non sai quanto è dispiaciuto a me, proprio un posto di altri tempi...

    @rossella: grazie cara, se lo provi fammi sapere, un abbraccio

    RispondiElimina
  35. grazie per avermi fatto conoscere questa ricetta, e buon compleanno in anticipo!!

    RispondiElimina
  36. che buoni, che belli, che tutto! non li conoscevo, bravissima Stefania!

    RispondiElimina
  37. E' da quando vivo qui che li voglio fare ma non ne ho ancora avuto l'occasione. I tuoi sono bellissimi, copio la ricetta, così quando mi verrà l'ispirazione posso andare sul sicuro. Bacioni

    RispondiElimina
  38. ciao cara buona serata! io te lo supercommentati i cjalsons! cmq li rifarò :)

    RispondiElimina
  39. io ti devo ringraziare, sono buonissimi! non li conoscevo affatto! ho già in mente nuovi abbinamenti :)

    RispondiElimina
  40. @dauly: grazie a te per aver apprezzato, è comunque un accostamento particolare che non a tutti può piacere. un abbraccio

    @Batù: grazie mille

    @donatella: grazie mille e ci vediamo presto per il tuo contest

    @vicky: li hai fatti stupendamente! un abbraccio

    @nanocucina: non vedo l'ora di vederli

    RispondiElimina
  41. ero certa di aver lasciato un commento per ringraziarti di questa ricetta... lo faccio ora GRAZIE.. son stati una scoperta

    RispondiElimina
  42. Grazie ancora per averci fatto conoscere questa pasta stupenda ....ormai e` entrata nella mia cucina e l afaro` spesso! Ciao francesca

    RispondiElimina
  43. Che buoni e che belli!!!!
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  44. E' stato davvero un piacere cucinarli...e soprattutto mangiarli! :) Ciao!

    RispondiElimina
  45. Non li conoscevo, sembrano deliziosi :) (e da provare al più presto)

    RispondiElimina
  46. Ci hai fatto conoscere un piatto davvero speciale..
    grazie Stefy

    RispondiElimina
  47. Ciao Stefania! Non avevo mai immaginato una ricetta simile. E un abbinamento curioso per i gusti della cucina greca, ma ti rassicuro che tutti li hanno goduti! Ti ringrazio per questa bonta che mi si è rivelata! Buon Compleanno in anticipo!

    RispondiElimina
  48. Che abbinamenti particolari!!!Vanno provati.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  49. Li ho appena visti da Fr@, ti faccio i miei complimenti per questo meraviglioso piatto della tradizione friulana!
    bacioni

    RispondiElimina
  50. Li ho visti spesso in giro oggi i tuoi bellissimi cjalsons. Non li ho mai provati, ma visto che sono venuti benissimo a tutte e che tutte ne hanno parlato un gran bene, hai fatto venire anche a me una gran voglia di tentare l'esperimento e mettermi alla prova con questa ricetta.

    RispondiElimina
  51. @Vale: capita siamo in tante a partecipare ^^ un abbraccio

    @francesca: sono contenta che ti sia piaciuta

    @lory: grazie mille cara

    @emanuela: grazie mille

    RispondiElimina
  52. @ann: grazie mille

    @elena: grazie mille

    @mm_skg: nonostante sia molto lontano dalla tradizione ellenica ho visto che ti sono venuti benissimo e che hai fatto un ottimo arrangiamento della ricetta. un bacio

    @mariabianca: grazie mille

    RispondiElimina
  53. @Assunta: grazie mille

    @ilaria: ne sono felice. un abbraccio

    RispondiElimina
  54. Splendida questa tua variante cara Stefania, complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  55. Non conoscevo questa ricetta, è da provare. grazie per essere passata da me, sono contenta di far parte dei tuoi sostenitori, un bacio a presto.

    RispondiElimina
  56. avrei tanto piacere di assaggiarlo..mi piacciono molto questi gusti!!Grazie per averci fatto conoscere
    i cjalsons!!
    baci

    RispondiElimina
  57. Mi piace tantissimo l'agrodolce, sarei proprio curiosa di assaggiarli, mi segno anche la tua bellissima versione. Buona giornata!

    RispondiElimina
  58. Buongiorno tesoro!!buon mercoledì un bacione!!ciaooo

    RispondiElimina
  59. Li conosco e sono buonissimi!!! Concordo con te che è un vero peccato abbandonare le tradizioni e le usanze a favore del "moderno", perdendo le nostre radici rischiamo di perderci anche noi!!!
    Baci

    RispondiElimina
  60. Alla fine sono andata a commentare da tutte tranne che da te! PARDON!!!!!! Come hai visto ci sono piaciuti un sacco, anzi la prossima volta li lascerò ancora più dolci, grazie a te per averci ospitato in Carnia ;-)

    RispondiElimina
  61. @simona: grazie mille

    @nannina: grazie mille a te

    @emi: grazie mille, se provi la ricetta fammi sapere

    @babi: grazie cara

    RispondiElimina
  62. @Tina: buona notte cara amica, un abbraccio

    @laura: è vero, un abbraccio

    @stella: è normale quando siamo in tante ^^ un abbraccio

    RispondiElimina
  63. Non conoscevo proprio questa ricetta!!!!Ha un aspetto delizioso!!!!Complimenti
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una ricetta tipica della Carnia, non credo si trovi in altre zone, un abbraccio

      Elimina
  64. Come ho appena scritto ad Emanuela, me la sono presa proprio comoda a ripassare per gustarmi anche la tua nuova versione.Certamente meglio tardi che...... :D

    Il profumo di limone mi piace molto nelle pietanze.
    Grazie Stefania per questa meravigliosa ricetta che hai voluto condividere con noi.
    Un abbraccio e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te. il tempo ultimamente è sempre tiranno e capita anche a me di rimandare tante cose. Un abbraccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...