Se ti piace il mio blog clicca qui

domenica 18 marzo 2012

Cucina regionale giuliana: Minestra de bisi spacai o bunkersuppe

©http://nuvoledifarina.blogspot.com. Eccoci all'appuntamento settimanale con la cucina regionale, questa volta il nostro viaggio culinario è alla scoperta delle zuppe tipiche; la zuppa fa parte di tutte le tradizioni in quanto molto spesso è un piatto semplice e fatto con ingredienti di facile reperibilità e soprattutto economici. Queste sono le ricette che partecipano alla raccolta di questa settimana elencate per regione di appartenenza:


SICILIA: Zuppa di Vongole cco pummaroru di Cucina che ti Passa
CALABRIA: U maccu di Rosa ed io
CAMPANIA: Zuppa paesana di Le Ricette di Tina
TOSCANA: Zuppa di farro della Garfagnana Non solo piccante
LOMBARDIA: Pantrid maridaa o panada L'angolo cottura di Babi
VENETO: Menestra de Fasoi di Semplicemente Buono
PIEMONTE: Mnèstra id sáisri e fasulánna di La Casa di Artù
EMILIA ROMAGNA: I passatelli di Zibaldone Culinario

qui da me per il FRIULI VENEZIA GIULIA: Minestra de bisi spacai o bunkersuppe

Anche questa volta post in dialetto e in basso la traduzione in italiano



Quando te pensi alla minestra e a Trieste te vien subito in mente la jota, ma no gavevo voia de postar una roba che la gente conosi za, piuttosto volevo far conoser qualche altro piato tipico de quei che de solito te prepari a casa e che te pol trovar qualche volta in un  ristorante tipico. Go scelto la minestra de bisi spacai, una ricetta casalinga e con pochi ingredienti ma bona e nutriente. Sta minestra la vien ciamada anche Bunkersuppe, come i la ga ciamada i austriaci, specie i soldati, per due motivi: el primo xe che essendo facile de far la iera preparada tante volte dai coghi dell’esercito perché no i doveva starghe via troppo, el secondo xe perché iera la minestra dei carcerati, difatti bunker iera anche el nome che i gnochi ghe dava al canon. Ai coghi dell’esercito ghe andava ben perché i metteva su una minestra e dopo ghe la dava ai prigionieri e ai soldati, a sti ultimi i ghe la dava con dentro un poca de carne de porco. Stando a Trieste meio de tuto xe meterghe dentro un per de luganighe de cragno ( ocio a no metter dentro quele de Vienna).

Adesso vedemo come che se la prepara, per do persone mi go messo:

125 grammi de bisi spacai
1 patata picia
2-4 luganighe de cragno
3 cuciari de farina 00
Un poca de zivola
1 litro de acqua
Oio de oliva
Sal e pevere
Crostini
Lasemo i bisi in acqua per almeno do ore, dopo scaldemo una pignata e metemo un fil de oio e un poca de zivola taiada fina e lasemo che la se rosoli, taiemo la patata a tocheti e metemola in pignata con la zivola ben rosolada e i bisi scoladi. Metemo dentro anche l’acqua e femo cusinar per un ora a fogo medio basso. In una padella picia metemo un poco de oio e come el se scalda metemo la farina, la femo dorar e la metemo coi bisi a metà cottura. Dopo un ora i bisi sarà una crema densa, basta meter sal e pevere e meterla in piatto con i crostini soffritti in oio o burro e le luganighe cotte in padella, chi che vol pol cusinarle con la zivola e lasarle in pignata tutto el tempo, mi invece le go cusinade a parte. Portemo in tola anche un bon bicer de rosso, mi ve consiglio un bon Teran del Carso


IN ITALIANO:

Quando si pensa alla zuppa e alla città di Trieste, la memoria va subito alla Jota, ma non mi andava di postare un qualcosa già noto ai più, piuttosto volevo far conoscere qualche altro piatto tipico, di quelli che si preparano di solito a casa e che raramente si trova nei menù dei ristoranti tipici. La scelta è caduta sulla minestra de bisi spacai, ovvero minestra di piselli secchi spaccati, una ricetta casalinga fatta con pochissimi ingredienti ma ricca di gusto e nutriente. Questa minestra viene anche chiamata con il nome di bunkersuppe, questo nome è stato dato alla minestra dagli austriaci, soprattutto dai soldati per due motivi: il primo è che essendo una ricetta semplicissima da fare questa era ottima per i cuochi dell'esercito che non dovevano star troppo dietro alla preparazione; il secondo motivo è che questo era anche il piatto dato ai carcerati, infatti il termine bunker nel tedesco popolare all'epoca indicava anche il carcere. I cuochi dell'esercito quindi avevano un gran vantaggio preparavano questa ricetta sia per i prigionieri che per i soldati, a questi ultimi però la servivano accompagnata con un po' di carne di maiale. E siccome siamo a Trieste l'accompagnamento migliore è dato dalle salsicce o per dirla meglio dalle luganighe de Cragno, salsicce di maiale caserecce (da non confondere con le luganighe de Vienna che sono invece i wurstel!!)
Ma andiamo a ricetta e preparazione, per due porzioni io ho usato:

125 gr di piselli secchi spaccati
1 patata piccola
2 o 4 salsicce di Cragno (dipende dalla fame e se volete che sia un piatto unico o meno)
3 cucchiai di farina 00
un pezzetto di cipolla
1 lt di acqua
olio extravergine di oliva
sale, pepe
crostini di pane
Ammolliamo i piselli secchi per almeno due ore. Trascorso questo tempo prendiamo una pentola, riscaldiamo un filo di olio e mettiamo a rosolare la cipolla affettata finemente; tagliamo la patata a tocchetti e quando la cipolla è ben rosolata aggiungiamola in pentola assieme ai piselli sgocciolati. Versiamo 1 lt di acqua e facciamo cuocere per un'ora a fuoco medio basso. In un padellino mettiamo ancora un goccio di olio e quando questo è caldo, versiamo i cucchiai di farina; facciamo dorare quest'ultima e andiamo ad aggiungerla alla pentola con i piselli dopo circa metà cottura. Al termine dell'ora i piselli si saranno ridotti ad una crema densa; non ci resta che regolare la minestra di sale e di pepe e metterla in piatto accompagnata con crostini soffritti in olio o burro e salsicce cotte in padella; per chi volesse le salsicce possono anche essere rosolate assieme alla cipolla e lasciate in pentola fino a cottura della minestra, io le ho invece cotte a parte. Per finire portiamo in tavola anche un vino rosso, consiglio un buon Terrano, un vino corposo che viene prodotto nel Carso.

56 commenti:

  1. Oh Stefania...ho finalmente capito il significato del nome particolare di questa zuppa davvero invitante....troppo goduriosa con quelle due salsicce poggiate accanto....Complimenti
    Un grande bacio e grazie!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. ahahahha che forte il tuo dialetto..la minestra poi..da leccarsi i baffi cara

    RispondiElimina
  3. Non avevamo mai sentito parlare di questa zuppa, ma l'abbinamento tra piselli e carne di maiale deve essere proprio buono! grazie per l'idea!
    ciao

    RispondiElimina
  4. sei troppo forte a scrivere in dialetto, mi diverto tantissimo....

    RispondiElimina
  5. Sei davvero brava ...una porzione per la sottoscritta ma con doppia dose di salsiccia...

    Brindisi Piacenza 37-35 è in diretta su Rai sport2....Forza Piace!!!!

    RispondiElimina
  6. Bellissima ricetta!!!!!!!Brava Stefy!!!un bacione!!

    RispondiElimina
  7. L'idea della ricetta in dialetto è davvero il massimo per accompagnare un piatto tipico della tradizione giuliana.
    Deve essere squisita questa zuppa!

    RispondiElimina
  8. @renata: ahaha chissà cosa ti eri immaginata ^^

    @Tina: ahah ma aspetto te in campano prima o poi

    @semplicemente buono: eh si questa è veramente sconosciuta al di fuori delle mura domestiche

    @Sabina: sono contenta ^^

    RispondiElimina
  9. @elena: benissimo!! doppia dose salsiccia per te da smangiucchiare guardando la partita, vado a buttare un occhio. un bacione

    @Yrma: ci manchiiiiiii

    @ilaria: il dialetto è per portarvi con la fantasia qui. un bacio

    RispondiElimina
  10. Troppo bello il post in dialetto, me lo sono letta tutto e sarà per le contaminazioni venete-bergamasche-bresciane e brianzole che ho in famiglia, ma l'ho capito tutto! Splendido piatto, sostanzioso e davvero invitante. Grazie!!

    RispondiElimina
  11. Bravissima, bella ricetta ! Buona serata
    Mandi

    RispondiElimina
  12. io venendo dal vicino veneto ho capito bene la versione in dialettto :-) e trovo interessante la ricetta...brava la mia stefy!!

    RispondiElimina
  13. @babi: grazie mille e sono contenta che sei riuscita a capira ^^

    @Rosetta: grazie cara

    @Erika: beh si i dialetti sono molto simili vero? un bacione

    RispondiElimina
  14. Bella questa idea della cucina regionale!!!!

    RispondiElimina
  15. Bella la ricetta e fantastica l'idea di tradurla in triestino, ti adoro!
    PS: sono furlana ma adoro Trieste e i triestini...
    Bacioni

    RispondiElimina
  16. un'altra splendida ricetta triestina, bravissima!

    RispondiElimina
  17. @Arianna: grazie unisciti anche tu!

    @Tiziana e Alessia: grazie mille

    @chiara: grazie cara

    RispondiElimina
  18. Stefy....non ci credo neppure io, tovaglia a quadretti, vino abbinato, scusa ma inizio ad essere preoccupata!!! telepatia???
    comunque è bellissima la tua zuppa !!!

    RispondiElimina
  19. I bisi proprio no me piasi!! Ma le luganighe si!! Buon week end!

    RispondiElimina
  20. Che piatto..... bisi e salsicce, troppo buono!!

    RispondiElimina
  21. buona e saporita, viva le zuppe, buon weekend

    RispondiElimina
  22. Ihihih ho provato a capire dal tuo dialertto.. ma son saltata subito sotto.. Ottima ricetta.. non la conoscevo affatto.. baci e buon sabato!

    RispondiElimina
  23. ma che ricetta veramente molto interessante ma soprattutto buonissima e complimenti per la spiegazione in dialetto è bello conoscere le ricette e il dialetto bravissima ciao :)

    RispondiElimina
  24. Si vede che la tovaglia a quadrucci e il vino abbinato ispirano alla grande la cucina regionale!!! Buonissima minestra che non conoscevo...

    RispondiElimina
  25. @Artù: siamo entrate un fusione ahahaha, un bacio e felice weekend

    @Iva: allora solo luganighe per te eppoi queste sono fatte in casa, proprio sotto S. Giusto

    @Sara: un classico buonissimo vero?

    @2 amiche in cucina: grazie mille, buon weekend a voi

    @Claudia: ahaha, se dovessi scrivere nel mio dialetto lo capiresti molto ma molto bene credimi!

    RispondiElimina
  26. @dolci e fantasie: grazie mille

    @elly: si, ho voluto ricreare un pò l'ambientazione delle osterie

    RispondiElimina
  27. Mi piacciono moltissimo i tuoi post in dialetto e la zuppa (con quelle due salsicce) deve essere veramente buonissima...quasi quasi mi faccio arrestare, ma voglio il domicilio coatto a casa tua!!!!
    Bacioni sister

    RispondiElimina
  28. Cara Stefania mi piace conoscere le verie cucine regionali... questa zuppa e' saporita ottima per le serate freddine da gustare al calduccio:-) un abbeaccio e buon sabato

    RispondiElimina
  29. Un +1 l'ho inserito io. Cominciamo a recuperare.
    Ciao.

    RispondiElimina
  30. @Carla: ahaha non è necessario, io ti invito più che volentieri!!!

    @Ombretta: graziew mille, un abbraccio a te

    @gus: grazie mille ^^

    RispondiElimina
  31. Interessante dialetto, molto simile al veneto che conosco un po'... poi la zuppa è gustosa insieme con le salsicce è una vera bontà! Volevo informarti che da oggi non sarò attiva più per la voglia di Blogger e Google che mi hanno tolto tutti i lettori...cioè voi, i miei lettori non riceverete più le mie notizie...allora, tanto vale a scrivere altri post! Sono stanca di cercare lettori e presentarmi ...insomma tutto da capo devo fare! Per ora sarò attiva solo sulla Facebook pagina di Menu Italy! Chi fa "mi piace" sulla pagina Facebook mi seguirà! Ciao Stefania, sei unica che avviso perché tu mi segui dai primi passi l'anno scorso e mi facevi commenti quando nessun altro mi conosceva! Mi spiace tanto, forse ci incontreremo ancora... sicuramente verrò a trovarti qualche volta! Un abbraccio forte, Emily!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, magicamente tutto è tornato come prima senza che ho mosso un dito ...allora, si continua la mia blogger avventura! Sono contentissima... ciao, a presto e grazie che hai confermato la bontà della mia frittata con finocchi, noci e patate! Un bacio e buon weekend!

      Elimina
    2. sono contentissima Emily!!

      Elimina
  32. Che bella iniziativa quella di Cibo e Regioni, sto leggendo gustosissime ricette della tradizione di altre regioni, le zuppe poi sono le mie preferite! Buon fine settimana, Laura

    RispondiElimina
  33. Che buona deve essere!!!!!!!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  34. mi piace molto questa ri scoperta della tradizione in cucina in particolare delle zuppe, buone sempre

    RispondiElimina
  35. Sììììììììì, la conosco,la adoro questa splendida minestra!!!! Bacioni Stefania!

    RispondiElimina
  36. Buonissima questa minestra di bisi spacai, bellissima questa idea di scriverla in originale con poi la traduzione in italiano!
    bravaaaaaaaaa
    ciaoooe buona serata

    RispondiElimina
  37. mi piace ecccome questa racccolta! imparo un sacco di cose nuove :)

    RispondiElimina
  38. @Laura: si è proprio una bellissima idea, perchè non partecipi anche tu?

    @laura: grazie mille

    @gunther: grazie ^^

    @simona: ne sono felicissima, l'hai assaggiata qui?

    RispondiElimina
  39. @bruna: grazie mille

    giulia: grazie mille, partecipa anche tu!

    RispondiElimina
  40. Ciao Stefy, sai che ieri abbiamo perso? per 3 punti nel finale....è questo l'emozionante del basket...ma che sofferenza! Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uffi non ci voleva, dai andrà meglio la prossima :)

      Elimina
  41. adoro le zuppe e questa non la conoscevo..grazie!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con questa storia della cucina regionale sto cercando sempre cose molto ma molto sconosciute e mi fa piacere quando riesco a portare a galla ricettine buone ma che la maggior parte della gente non conosce. Buona domenica ^^

      Elimina
  42. questa ricetta mi sembra molto molto buona,meno male che hai messo la traduzione hahahaha.
    baci

    RispondiElimina
  43. stefi, questa tua zuppa e' a dir poco superlativa!!!
    che brava sei, rimango sempre incantata quando leggo le tue ricette...questa mi fa letteralmente impazzire perche' adoro i piselli in tutte le salse e perche' mi ricorda i sapori della mia infanzia!
    baci tesoro

    RispondiElimina
  44. Minesta de bisi spacai....mamma mia me ricorda co'iero picia ma anche alora no me piaseva (scusa ma io non lo so scrivere bene anche se sono di Trieste :o((
    Complimente te sa scirver mooooooolto ben e tradur come dir scriver do volte.
    No te digo mandi perche nella Venezia Giulia se usanza de poco e no de tuti.
    Ciaoooo bona settimana

    RispondiElimina
  45. Che bel post Stefi! Grazie davvero per quello che scrivi e per l'amore che ci metti! Non conoscevo questa zuppa (e lo sai che le adoro!!!) e non ne conoscevo la storia!

    RispondiElimina
  46. Adoro le zuppe e adoro come hai raccontato la storia di questa zuppa. Brava davvero! Buona domenica

    RispondiElimina
  47. complimenti , buona domenica , ciao

    RispondiElimina
  48. Che bello leggerla in dialetto, è tutta un'altra cosa! Ma io quella luganega li non la trovo mica qui :-) Splendida ricetta come tutte le altre zuppe di questa settimana! Baci

    RispondiElimina
  49. Ciao Stefi quante cose mi sono persa nei giorni scorsi, ma davvero non ho tempo che per il lavoro, spesso anche dopo cena ho i libri in mano... tu sei bravissima e questa ricetta scritta anche nel tuo bel dialetto e proprio invitante. Spero davvero che proverai le mie spighe aspetto di vederle postate :)
    Baci buona settimana

    RispondiElimina
  50. Ecco spiegato il nome così particolare di questa ricetta! mi piace davvero tantissimo, dice mangiamo che sono buonissima! Davvero i miei complimenti! Queste ricette popolari sono povere ma piene di gusto e di storia!

    RispondiElimina
  51. @franca: grazie mille ^^

    @gemma: ne sono felice e grazie per le tue parole

    @edvige: grazie cocola!

    @silvia: grazie mille, spero che la proverai perchè è molto buona

    RispondiElimina
  52. @fabipasticcio: grazie mille

    @la pasticciona: grazie mille

    @ely. quella luganega è fatta in casa!

    @Carla emilia: come sempre spero che ti libererai presto dei tanti impegni. Un abbraccio

    @rumi: ahah grazie mille, un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...