Se ti piace il mio blog clicca qui

domenica 11 marzo 2012

Cucina regionale giuliana: Scampi alla busara

©http://nuvoledifarina.blogspot.com. Questa settimana mi sono aggiunta anche io alla raccolta settimana di ricette regionali indetta da Renata e Babi; in questa raccolta vengono riunite tutte le varie ricette regionali riguardanti ogni volta un argomento differente, questa settimana tocca al pesce e nel giro d'Italia gastronomico che facciamo oggi possiamo leggere ricette delles eguenti regioni:


CALABRIA: Turtera i spatula di Rosa ed Io 
SICILIA: Sarde a beccaficu di Cucina che ti Passa 
CAMPANIA: Polpi alla Luciana di Le ricette di Tina
TOSCANA:  Baccalà lesso di Non Solo Piccante 
LOMBARDIA: Risotto al pesce persico di L’Angolo Cottura di Babi 
TRENTINO ALTO ADIGE: Trota en saor con spiedino croccante alle sarde e polpettine di lavarello A Fiamma Dolce 
VENETO: Baccalà alla Vicentina di Semplicemente Buono 

e qui da me: FRIULI VENEZIA GIULIA: Scampi alla Busara
Ho pensato di scrivere la ricetta in dialetto e sotto ho messo la traduzione in italiano:

I scampi alla busara xe un dei piatti tipici dela cusina triestina; se cusina i scampi con un bel sugheto de pomidori, vin bianco, pan grattà sal e pevere, se li magna cussi o se li pol metter sora un bon piatto de pasta . Xe do i motivi perché i li ciama alla busara: el primo xe perché i disi che la busara xe una pignata che iera sule nave che i pescadori e i marinai doperava per cusinar, la seconda disi che vien del veneto “busiara” che vol dir bugiarda perché una volta in sto modo i cucinava el pese scarto che no i rivava a vender. De dove che vien sto nome e come che te li fa i xe sai boni, mi me piasi de più farli come piatto unico piuttosto che con la pasta ma piuttosto col pan per tociar. Ecco come farli:

1kg de scampi intieri
500g de pomidori in scatola
2 spicchi de aio
1 zivola
Sai prezzemolo
1 bicer de vin bianco
1 busta de zafferano
2 cuciari de pan grattà
Sal e pevere
Oio de oliva
Taiemo zivole, aio e prezzemolo, metemoli a frizer con l’oio de oliva: intanto squaiemo el zafferano nel vin. Metemo i scampi in pignata e poco dopo anche vin e zafferano; metemo el pan grattà, i pomidori , el sal e el pevere. Metemo el covercio sulla pignata e lasemo che se cusini per 20 minuti. El piatto xe pronto, basta decider le magnarlo con la pasta o col pan.
 
IN ITALIANO:
Gli scampi alla busara è uno dei piatti che rappresenta la cucina di mare triestina; in questo piatto gli scampi vengono cotti con un bel sughetto di pomodori, vino bianco, pane grattugiato, sale e pepe e possono essere mangiati così o usati per condire un piatto di pasta. Sul termine busara ci sono due scuole di pensiero: la prima afferma che busara è una pentola di coccio presente a bordo delle navi che marinai e pescatori usavano per cucinare i pasti di bordo; la seconda invece afferma che il termine busara derivi dal veneto busiara (bugiarda) ad indicare che una volta questo tipo di cottura era riservato a quei pesci da scarto che non venivano messi in vendita sul mercato.
Comunque qualunque sia l'origine del nome e del piatto, posso assicurare che questi scampi sono ottimi, io preferisco di gran lunga farli come piatto unico e non accompagnarli con la pasta ma con tanto bel pane con cui fare scarpetta. Ma ecco come si preparano:

1kg di scampi interi
500 gr di pomodori pelati
2 spicchi di aglio
1 cipolla
abbondante prezzemolo
1 bicchiere di vino bianco
1 bustina di zafferano
2 cucchiai di pane grattugiato
sale, pepe 
olio extravergine di oliva
Tritiamo cipolla, aglio e prezzemolo, mettiamoli poi a soffriggere in una pentola con olio extravergine di oliva; nel frattempo prendiamo il vino bianco e sciogliamoci lo zafferano. Aggiungiamo alla pentola gli scampi e dopo qualche minuto sfumiamo con il vino allo zafferano; aggiungiamo il pangrattato, i pomodori e regoliamo di sale e pepe. Chiudiamo la pentola con un coperchio e lasciamo cuocere per 20 minuti. Il piatto così è pronto, non resta che decidere se accompagnarlo con spaghetti o con pane.

67 commenti:

  1. Sei puntualissima!! Complimenti per la ricetta, l'idea di scriverla anche in dialetto è bellissima (anche se c'ho capito poco ahah). Mi fa davvero piacere intraprendere questa nuova avventura culinaria con te!! Bacioni collega ^_^

    RispondiElimina
  2. Oh ragazza che piatto!!!!Gustoso e da scarpetta ...insomma perfetto!!!!! e la versione in dialetto della ricetta ...stupenda!!!Grazie mille cara Stefania!!!! è bellissimo averti con noi!!!Un bacio

    RispondiElimina
  3. che bel post tesoro!!bravissimaa e coomplimenti per la ricetta

    RispondiElimina
  4. Adoro gli scampiiiiiiiiiii!!Bella anche l'idea di scrivere in dialetto la ricetta!!Se un mitooooooooooo!!!!Bravissima Stefy e benarrivata anche in questa rubrica!!!!Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Questi scampi devono essere davvero ottimi! e che dire di quel sughetto!
    Bravissima!
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  6. Ciao Stefania benvenuta tra noi! Hai esordito con una ricetta spettacolare, mi piace molto l'idea di scriverla in dialetto! Bravissima! Quegli scampi me li mangerei anche se ho già cenato.... Grazie mille, a presto!

    RispondiElimina
  7. mamma mia deve essere buonissima questa ricetta

    RispondiElimina
  8. @Rumi: che bella l'idea del video, è molto utile, bravissima

    @renata: grazie mille per avermi accolta ^^

    @Tina: grazie cara, un abbraccio

    @Yrma: grazie mille cara. un baciotto

    RispondiElimina
  9. @Elisa e laura: grazie mille ^^

    @babi: un bel piattino te lo mando volentieri

    @elena: sì sì, molto buona!!

    RispondiElimina
  10. Che bella ricettina cara stefy...brava hai fatto bene ad aggiungerti, tu hai un repertorio di ricette tradizionali davvero super!

    RispondiElimina
  11. Anche noi ci siamo uniti a questa rubrica. E' stato davvero molto divertente.
    Meno male che hai aggiunto la versione in italiano... :-)
    Proprio un bel piattino goloso!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  12. Ho sempre pensato che Trieste potesse essere la mia seconda città, molto simile, per me e per sensazioni personali, alla mia Napoli, Vesuvio a parte. Con questa ricetta di scampi si fortifica la mia convinzione, lì ne farei indigestione! Brava Stefi!
    Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. @Artù: grazie cara, ma anche tu conosci tante ricette tradizionali. un abbraccio

    @ilaria: ;) utile vero la traduzione? un abbraccio

    @Rosalba: ma allora ti aspettiamo a braccia aperte!!!

    RispondiElimina
  14. Stefania complimenti!!!!!!!!MI piace tantissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Stefi!! che bella!! nel mio blog c'è una sorpresa per te!!
    a presto!!!! Se ti a passa a trovarmi!

    Silvia

    RispondiElimina
  16. Ma che splendida idea questa delle ricette regionali!!!!! Ottima ricetta Stefania, grazie!!!

    RispondiElimina
  17. ecco...questo è un'altro piatto strepitoso! gli scampi mi piacciono moltooooo! e come li hai preparati sono divini!
    abbracci

    RispondiElimina
  18. Ottima ricetta...l'assaggerei anche subito!!! bacioni!

    RispondiElimina
  19. ciao Stefania, che bella raccolta di ricette.
    Ottimi i tuoi scampi e anche la ricetta scritta in dialetto. Il dialetto friulano somiglia molto a quello veneto e ho capito tutto. I miei genitori erano di origine veneta.
    buon week end
    baci sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. El dialeto xe triestin e non furlan...no stemo misciar.

      Elimina
  20. si anche io avevo capito :-) di solito li faccio con la pasta ma tociadi col pan se meio! buon sabato cara

    RispondiElimina
  21. Che buoni gli scampi!!!! Un piatto da leccarsi realmente le dita!!

    RispondiElimina
  22. che buoni gli scampo alla busera!!!! la scarpetta con il pane poi è d'obbligo.

    RispondiElimina
  23. ottimo piatto,bellissima l'idea di scriverla nel dialetto,mi sono divertita a cercare di capire cosa era scritto....bacioni,buon fine settimana!!!!

    RispondiElimina
  24. @Alice: grazie mille

    @Silvia: grazie corro subito a vedere ^^

    @Simona: partecipa anche tu!!!

    @Donaflor: grazie mille

    RispondiElimina
  25. @elena: grazie mille, un bacione

    @sabina: grazie mille, il dialetto è il triestino, il friulano è moltissimo differente

    @ombretta: ahaha concordo con te!!

    @sara: io te lo consiglio, il sughetto attaccato alle dite è una bontà

    RispondiElimina
  26. @cristina: grazie mille

    @i fiori di loto: sì hai ragione dovremmo metterla obbligatoria!

    @tina: spero non sia stato troppo difficile ;)

    RispondiElimina
  27. fantastici!!!bravissima ste!!! un bacione!!!

    RispondiElimina
  28. che scampi meravigliosi, buon fine settimana

    RispondiElimina
  29. Ma che boni sti scampi! Sto piato xè tra i miei preferiti!! (mi sembrava in tema una risposta in dialetto... :P)

    RispondiElimina
  30. che bel piatto !!!ottimo...buona domenica!!!

    RispondiElimina
  31. Stefi, non conoscevo questo piatto...sto scoprendo con somma vergogna di avere una ignoranza pelosa in materie di cucina regionale italiana! farei bene a riprendere in mano il venerando testo di Ada Boni!!!
    Un bacione tesoro

    RispondiElimina
  32. che simpatica l'idea di scriverla in dialetto, bravissima! Gli scampi alla busara sono la mia passione! buon we...

    RispondiElimina
  33. Ciao carissima buona domenica!

    RispondiElimina
  34. Ma devono essere ottimi!!!! baci e buona domenica :-)

    RispondiElimina
  35. @pam: grazie mille

    @2 amiche in cucina: grazie mille

    @iva: bravissima, in pieno spirito del post

    @ninì: grazie mille

    RispondiElimina
  36. @Gemma: anche io sto imparando moltissimo dai vari blog. Un abbraccio

    RispondiElimina
  37. @chiara: grazie mille

    @Tinny: ciao bellissima, buona domenica a te, il ciccio e Warrick

    @Claudia: grazie mille, buona domenica a te

    RispondiElimina
  38. Che bella quest'iniziative! Bravissime!! ^_^
    E che buoni questi scampi! :)

    RispondiElimina
  39. io ne mangerei tantissimi ,fino a scoppiare..............bacioni

    RispondiElimina
  40. @Elisa: grazie mille, unisciti anche tu dai

    @lidia: ti confesso che lo farei anche io ^^

    RispondiElimina
  41. stefania ottima ricetta come sempre, brava.....buona serata con bacio ,maria

    RispondiElimina
  42. Buoniiiiiii,ricetta squisita!!! e poi la cosa ancor più golosa è fare la scarpetta nel puccin! Io quando li faccio (le nostre ricette si assomigliano e ho l'impressione che abbiamo gli stessi gusti) mi procuro del pane di grano duro e poiiii non ti dico che libidine tra gamberi e puccin!
    ciaoooo e buona domenica :)

    RispondiElimina
  43. @maria: grazie mille, buona domenica

    @Bruna: si è vero abbiamo gusti molto simili ^^ un abbraccio e buona domenica

    RispondiElimina
  44. Che bella ricetta!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  45. Stefania!!! Un post delizioso. Carina l'idea di inserirlo nel tuo dialetto originale! Bellissima anche la ricetta. Complimenti!!

    RispondiElimina
  46. Io, come condimento per gli spaghetti, mi delizierei!;-)
    Carinissimo il post scritto in dialetto! :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  47. che piatto delizioso!! forte il post in dialetto ma... meno male che hai tradotto!! ;) un bacione!
    Laura

    RispondiElimina
  48. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  49. Adoro questo piatto! Anche se sono vicentina, se mi trovassi davanti questi scampi ed il baccalà non saprei quale scegliere!!Bacione

    RispondiElimina
  50. Sei troppo forteee!!!! Bella l'idea della ricetta tipica nel suo dialetto tipico!!!!!!
    E poi hai scelto un piatto irresistibile per chi, come me, adora i crostacei.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  51. Mi piace molto l'idea di una ricetta regionale scritta nel suo dialetto!!! Brava sister!!! Baci

    RispondiElimina
  52. Ottima la tua ricetta. Bacioni ^_^

    RispondiElimina
  53. che buona questa ricetta ,complimenti ,baci

    RispondiElimina
  54. Ottima ricetta, mi piacciono molto gli scampi.Un abbraccio

    RispondiElimina
  55. Bellissima ricetta e ancor più bello leggerla in triestino. Ti abbraccio Stefi, a presto

    RispondiElimina
  56. Buongiorno tesoro!buon inizio settimana!ciaoo

    RispondiElimina
  57. ke bel piattuzzo! ammappa! davvero ottimo!

    RispondiElimina
  58. @elly: grazie mille

    @Assunta: sono ottimi sugli spaghetti, soprattutto se un pò ruvidi che trattengono il sughetto, un bacio

    @Rosy: eh sì ^^

    @Laura: ahahah un abbraccio

    RispondiElimina
  59. @ornella: ovvio un bel piatto misto ^^ un abbraccio

    @morena: ti ringrazio, sono contenta che ti piaccia lo spirito del post e la ricetta, un abbraccio

    @carla: grazie bellissima, un bacio

    @miranda: grazie mille

    RispondiElimina
  60. @pasticciona: grazie mille

    @lina: grazie mille

    @carla emilia: grazie cara, un abbraccio

    @Tina: grazie cara, buon inizio settimana a te

    @vicky: grazie cara

    RispondiElimina
  61. Quanti piatti nuovi che stò conoscendo e sono tutti stra buoni e meravigliosiiiiiiiiiiii!!!! Come questo! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely, in effetti tutte le regioni hanno dei piatti squisitissimi e poco conosciuti. Un abbraccio

      Elimina
  62. ciao, sono uno chef che aveva 3 forchette Michelin,a Milano. Sono in pensione a Koper: oggi, per il mio compleanno gli amici hanno comprato 2 casse di scampi del Quarnaro: ne è avanzata una cassetta e ti ringrazio per questa ricetta che eseguirò domani, Domenica, per altri amici e parenti. T'ae scrittu in triestin, ma mi che sun zeneize te mandu mille grassie. Scignuria!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...