Se ti piace il mio blog clicca qui

domenica 29 aprile 2012

Cucina regionale giuliana: Buchtel

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Eccoci ad un altro appuntamento con la cucina regionale, anche questa volta nel nostro giro di Italia abbiamo acquistato una nuova regione le Marche! ci stiamo ingrandendo sempre più e oramai mancano pochissime regioni per avere il quadro completo della nostra nazione a tavola.
L'argomento di oggi è abbastanza ampio, si tratta infatti di proporre una ricetta di merenda/spuntino a nostra scelta spaziando quindi dal salato al dolce. Ma vediamo dove andiamo oggi:


CALABRIA:   Pani cunzatu di Rosa ed io
CAMPANIA:   Saltimbocca napoletano  di Le Ricette di Tina 
SICILIA:    Pani friutu e pani ccu l’ogghiu e cco zuccuru  di Cucina che ti Passa 
TOSCANA: Panino al lampredotto di Non Solo Piccante
LOMBARDIA:  Rosümada e pan de mej   di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO:  Crema fritta di Semplicemente Buono 
PIEMONTE:   Merenda (o Marenda) Sinoira  di La Casadi Artù
EMILIA ROMAGNA:  La Piadina romagnola  di Zibaldone Culinario
TRENTINO ALTO ADIGE:   Merenda dolce/salata dalla Val di Gresta..con amore! di A Fiamma Dolce
PUGLIA: Fcazz e fcazzedd   di Breakfast daDonaflor
LAZIO:  Supplì al telefono   di Chez Entity
LIGURIA:    torta paradiso - genoise  di Un’arbanella di Basilico
UMBRIA:  Torchietto al Formaggio e Capocollo di 2 Amiche in Cucina
MARCHE: Merendi...amo: i pannociati marchigiani di La Creatività e i suoi Colori 

e qui da me FRIULI VENEZIA GIULIA: Buchtel 
come sempre ricetta in dialetto e sotto la versione in italiano


Per la merenda de oggi go scelto un dolce e come le altre volte go deciso de propor un piatto che nol xe quasi piu conosudo qua a Trieste. Xe i buchtel; pice balete piene de marmellata o crema che vien fati lievitar un vizin de l’altro per far una torta. El dolce el xe rivado a Trieste soto de l’Austria, ma lori i lo aveva imparado dei slavi, el buchtel difati come per certi tipi de pan slavo (come questo), va taiado con le man e spacar el pan ga un forte significato simbolico de condivision. Sto dolce, che oramai no se lo trova piu nele pasticcerie ga una particolarità, el xe fato senza zucchero, el dolce che se senti xe solo quel del ripien.
Ecco come se lo prepara:

250 gr de farina
125 ml de latte tiepido
50 gr de burro fuso
25 gr de lievito de birra
2 ovi
marmellata o crema pasticciera quanta che servi (mi marmellata de mirtilli)
Femo riattivar el lievito nel latte tiepido per diese minuti, dopo metemo insieme con 50 grammi de farina tamisada in una terrina. Metemo tuto a lievitar fina a che no diventa el doppio, dopo metemo i ovi e el resto dela farina; per ultimo metemo el burro fuso e misciemo fina a che no se tuto omogeneo. Metemo de novo a lievitar fina a che no xe diventa de novo el doppio dopo spostemo tuto sulla tola de legno e spianemo l’impasto, con un bicer o con una scudela taiemo tanti cerci de impasto e in mezo metemo un poca de marmellata. Stavolta per taiar go adoperado una scudeleta de cafe cusi le balete le iera piu picie e le andava ben anche per i fioi. Metemo le balete in una teglia (mi go adoperado stampo da crostata Domo linea granforno, 27 cm de diametro) con dentro la carta forno lasando un poco de spazio tra una baleta e l’altra e lasemo de novo che le raddoppi.
 

Cusinemo in forno za scaldado a 150° per 40 minuti. I buchtel xe boni tiepidi e freddi, se pol magnar cusi come che i xe o per i piu golosi se ghe pol meter de sora un poco de zucchero a velo. Eco un asagio per voi




IN ITALIANO:
Per l'argomento merenda/spuntino di oggi io ho scelto di proporre un dolce, e mantenendo la linea dei miei post ho deciso di proporre anche in questo caso un piatto che non è più o quasi più noto a Trieste. Si tratta dei buchtel; questi sono dei piccoli fagottini ripieni di marmellata o crema che vengono fatti lievitare l'uno accanto all'altro per formare una torta. Il dolce è arrivato a Trieste sotto la dominazione austriaca, ma questi lo avevano appreso prima ancora dalla popolazione slava, i buchtel infatti, come avviene per alcuni pani slavi (come questo), vanno separati con le mani e lo spezzare con le mani ha un grande valore simbolico di condivisione. Questo dolce, caduto ormai in disuso nella produzione delle pasticcerie triestine, ha una particolarità: quello di essere senza zucchero, il dolce che si avverte è quello presente nel ripieno.
Ma ecco come si prepara:

250 gr di farina
125 ml di latte tiepido
50 gr di burro fuso
25 gr di lievito di birra
2 uova
marmellata o crema pasticcera q.b. (io marmellata di mirtilli)
Facciamo riattivare nel latte tiepido il lievito per circa 10 minuti, poi incorporiamolo a 50 gr di farina setacciata in precedenza in una ciotola. Mettiamo tutto a lievitare finché il volume è raddoppiato, poi aggiungiamo le uova una alla volta e la farina rimanente; per ultimo aggiungiamo il burro fuso e mescoliamo finché l'impasto non risulterà perfettamente omogeneo. Mettiamo di nuovo a lievitare fino al raddoppio del volume, dopodiché trasferiamo l'impasto sulla spianatoia infarina e stendiamolo con il mattarello; con l'aiuto di un bicchiere o una tazza tagliamo tanti dischi al cui centro andremo a mettere un po' di marmellata. Io questa volta ho tagliato la pasta con una tazzina da caffè per avere delle palline più piccole adatte anche alla merenda di un bimbo. Sistemiamo poi le palline in una teglia da forno (io ho usato stampo da crostata Domo linea granforno, 27 cm di diametro) coperta di carta forno distanziandole un pochino le une dalle altre e lasciamo di nuovo raddoppiare il volume.
Cuociamo quindi in forno preriscaldato a 150°C per circa 40 minuti. I buchtel sono buoni tiepidi e freddi, si possono gustare al naturale o per gli amanti del gusto dolce si possono spolverizzare di zucchero a velo. Ecco un assaggio per voi.

59 commenti:

  1. Stefy sono un'amante di questo dolce...lo preparerei con la marmellata, ma non l'ho mai preparato...ti sono venuti splendidamente...

    Carino lo scozzese che ai scelto alle "pareti", non sono un'osservatrice, è nuovo vero? bacioni

    RispondiElimina
  2. Complimenti Stefania!!!!!!!
    Un dolce bellissimo e che mi tenta moltissimo... sarà anche per la dolce sorpresa che nasconde!!!!!
    Complimenti come sempre un post stupendo
    Un bacione e GRAZIE!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ma mi strapiace questa ricetta!!!!! Senza zucchero poi WOW!!!
    Stefania sei stata più che bravissima! Quando vorrei averne un pò, dai lancia che le prendo al volo e me le mangio in un sol boccone! eheh, un peccato che ormai non si trovano più facilemente :(
    ancora complimenti e buon week end, bacioniii

    RispondiElimina
  4. mi piace la ricetta in dialetto, ma per fortuna fai anche la versione in italiano, mi sarei persa questa delizia, baci e buon weekend

    RispondiElimina
  5. brava!!ho letto spesso in giro questa ricetta ma mai provata!prima o poi..bravissimaaa

    RispondiElimina
  6. Stefania è FAVOLOSOOOOOOOOO!!! Essendo senza zucchero si può anche esagerare con la pasticcera, o magari sia una che l'altra, che ne dici?
    Buon we e BACIONI

    RispondiElimina
  7. E io me lo assaggio ben volentieri! Ma perché si devono trascurare e perdere certi piatti tradizionali? Questo ha tutto per continuare a restare sulle nostre tavole! Brava Stefania a condividerlo con noi (hai perpetuato una sua caratteristica... la condivisione!!) Bacio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. che bello, deve essere buonissimo!!!
    complimenti, siete bravissime :) quante cose si imparano con questa rubrica :)

    RispondiElimina
  9. E? davvero un peccacto che questo dolce non venga più preparato, deve essere veramente buonissimo!! E pensa alla sorpresa di trovare la marmellata al suo interno: favoloso!!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  10. Ne rubo volentieri un paio! Proprio non riuscivo ad immaginare cosa fosse ed è stata una buonissima sorpresa! Mi piace molto il tuo impegno nel cercare ogni volta puatti dimenticati... Grazie e buona domenica!

    RispondiElimina
  11. Questi li conosco eccome ;-) I buchteln si preparano anche quiiiii, (piu in Alto Adige a dire il vero) e mi piacciono da matti!!Avrei scelto anche io la versione marmellata di mirtilli!!!!Bravaaaa!!!!Un bacione e buon w.e!!!

    RispondiElimina
  12. non conoscevo! ottimi! spero di entrare a far parte anche io settimana prossima :)

    RispondiElimina
  13. Ciao mammamia che ricordi d'infanzia....i buchtel li fa ancora Giorgi ma anche vuoti - quello di via Carducci
    e quest'estate me li mangio in Austria per colazione al mattino.....Buona fine settimana cara Stefania bacione

    RispondiElimina
  14. sei sempre più brava nel proporre le nostre ricette! Buon fine settimana cara, un bacione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Stefania se uso il tuo spazio ma volevo dire a Chiara che non riesco ad entrare più nel suo blog perchè mi viene la pagina Google+ e non quella di blogger e quindi non essendo iscritta non posso più leggerla. Mi è già accaduto con altre amiche che hanno dovuto rimettere il collegamento blogger nella loro pagina personale.
      Grazie Stefania e grazie Chiara spero che leggerai. Buona giornata

      Elimina
    2. ti ho risposto sul tuo blog Edvige...Buona giornata anche a te...

      Elimina
  15. carissima Stefania...ma quanto mi piace leggere i tuoi post in dialetto...! sarebbe piaciuto anche a me scrivere in dialetto....ma sono una franaaaa! pensa che solo per scrivere il titolo della ricetta...non so quante telefonate ho fatto per sapere come si scriveva!
    beh...questo dolce...che dirti una bontà unica, e che bello il fatto di spezzarlo con le mani e condividerlo con altri!
    bravissima e bacioni

    RispondiElimina
  16. ...e io che ero rimasta alla rolata carsolina...bellissima scoperta!

    RispondiElimina
  17. Spettacolo ! Con una pallina di queste ci faccio una mega colazione ! Buona giornata !

    RispondiElimina
  18. Stefy, ma che spettacolo, davvero una preparazione bellissima!!!! che dire sei superlativa sempre!

    ps. volevo comunicarti che ora la mia mamma quando viene da me, non solo vuol vedere il mio blog, ma anche il tuo per leggersi le ricette in dialetto!!!! hai una fan in più!!!

    RispondiElimina
  19. mia nonna me li ha fatti tante volte anche se non è di trieste. Glieli aveva raccontati un soldato durante la guerra che le salvò la vita e lui fu ucciso. Li faceva sempre a Natale come ringraziamento. Noi infatti li chiamiamo i fagotti di Arturo.

    RispondiElimina
  20. Che buono questo dolcino!! :)
    Baciotto e buon fine settimana ^^

    RispondiElimina
  21. Abche in Campania facciamo un dolce simile, è il Danubio, di cui c'è anche la versione salata. E' bello leggere che la cucina unisce l'Italia! Buona domenica, Laura

    RispondiElimina
  22. Wowwwww sembrano davvro ottimi.. quando ho visto mi sembrava il Danubio in versione dolce!!!! smackkkk buon sabato!

    RispondiElimina
  23. Magnifico Stefania, esto tiene que estar muy rico, bsos

    RispondiElimina
  24. Bellissima questa ricetta, grazie Stefania!
    Baci e buon fine settimana! :-)

    RispondiElimina
  25. bellissima ricetta...complimenti

    RispondiElimina
  26. Visto che nell'impasto manca lo zucchero e c'è pochissimo burro meglio abbondare con la crema psticcera nell'interno! E' la mia preferita e l'idea di poterne fare un'abbuffata mi fa amare tantissimo questa torta.

    RispondiElimina
  27. @elena: ma che bella storia che mi hai raccontato associata a questo dolce! Lo scozzese l'ho messo di recente, volevo svecchiare un pò il blog

    @renata: grazie mille dolcissima, anche il tuo post è fantastico. un bacio

    @rumi: eheheh allora tiro eh? pronta?

    @2 amiche: ahah piano piano vi insegno il triestino, guardate che alla fine vi interrogo!!

    RispondiElimina
  28. CHe meraviglia cara Stefania!!!!! Davvero un dolce buonissimo!!!

    RispondiElimina
  29. @mary: grazie mille

    @Tina: la versione altoatesina e il danubio sono un pò diversi, ma sono molto simile, se ti va prova poi fammi sapere

    @Carla: io infatti ero tentata di fare delle pallotte alternate nel ripieno ma poi la mancanza di tempo mi ha fatto ripiegare sul monogusto

    @rosalba: confermo!

    RispondiElimina
  30. oh mamma che bontàààààààààààà!!!brava Stefania!!!baciottini e buon weekend!

    RispondiElimina
  31. @elly: penso per la facilità di trovare le cosine già pronte, in fin dei conti i dolci confezionati fanno di tutto per renderli sempre più accattivanti nell'aspetto

    @puffin: è vero si imparano tantissime cose nuove

    @semplicemente buono, è una bella sopresa perché non ti immagini che all'interno ci sia qualcosa di dolce a deliziarti il palato

    @babi: effettivamente il nome era un pò sibillino ahahah un bacio, e sono felice che ti sia piaciuta la mia merenda

    RispondiElimina
  32. @yrma: infatti pensavo a te quando preparavo il dolce, sapevo che un pò più su rispetto a te questi dolci si fanno ancora

    @Giulia: ma si sarebbe bellissimo, ti aspetto allora!

    @edvige: ma dai, sai che non sapevo! Grazie per la dritta così vado ad assaggiare per confrontare, sono curiosona io!! Per il messaggio a Chiara hai fatto benissimo! Hai provato ad accedere scrivendo sul browser direttamente il link del suo blog? forse così riesci a bypassare....

    @Chiara: grazie mille, detto da te è un gran complimento

    RispondiElimina
  33. Questa ricetta mi incuriosisce: intanto prendo nota degli ingredienti. Grazie e buona domenica

    RispondiElimina
  34. Una bella ricetta che non conoscevo! Grazie!

    RispondiElimina
  35. Originale e sicuramente squisita questa ricettina =)
    Complimenti carissima

    RispondiElimina
  36. @donaflor: hai ragione scrivere in dialetto è più difficile, infatti per fare il post io ci metto moltissimo tempo

    @mimi: ma che bontà la rolata....

    @mary: io non sono riuscita a fermarmi a una pallina ^_^'

    @artù: ma che bello!!! ringhrazia tanto la tua mamma per parte mia

    RispondiElimina
  37. @elena: d'ora in poi anche io ricorderò Arturo con questo dolce. un abbraccio

    @Elisa: grazie mille

    @Laura. infatti io ho pensato subito al danubio, ma le preparazioni dovrebbero essere un pò diverse, se non sbaglio nel danubio va lo zucchero

    @claudia: in effetti gli somiglia tantissimo

    RispondiElimina
  38. @sofia aurora: gracias

    @assunta: grazie mille

    @giustina: grazie

    @ilaria: ahaha è vero infatti io ho abbondato con la marmellata

    RispondiElimina
  39. @pan di zenzero: grazie mille

    @marilena: grazie mille, buon weekend a te

    @sabrina: grazie mille

    @nani: grazie cara

    RispondiElimina
  40. Stefi che bello!! come sempre hai messo una ricetta a me sconosciuta...grazie! Sembra delizioso e chissà che merenda super..con i baffi di marmellata e un super sorriso per la semplice bontà di questo dolce! :)

    RispondiElimina
  41. la conoscevo ma non l'ho mai fatta! ottimo..ora ho la ricetta!!! baciii

    RispondiElimina
  42. Quanto mi pice Stefania, arrivo per merenda, ce ne è ancora???? Baci cara e buona domenica!

    RispondiElimina
  43. non son mai stata in friuli ma se fate merenda con questi bocconcini deliziosi.. devo farvi visita!!! ti ho lasciato un pensiero al mio blog.. ciao un bacio

    RispondiElimina
  44. @Silvia: ahaha ti ci vedo con i baffi di marmellata!!

    @luisa: ne sono felice, un bacio

    @simona: non ce ne è più ma non ci vuol niente a ripreparare :)

    @Tiziana: e io ti aspetto eh? grazie per il pensiero, un bacione

    RispondiElimina
  45. Bella ricetta e bel post, brava Stefania, buona settimana!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  46. Stefania che bella ricetta. davvero una merenda genuina e sana!!!! Facciamole torrnare di moda queste prelibatezze, molto più buone e sane di tante schifezze che i ragazzi, miei compresi si mangiano!!!!

    RispondiElimina
  47. Buongiorno tesoro!!Buon inizio settimana ciaoo

    RispondiElimina
  48. Deliziosa ricetta, non la conoscevo ma adesso me en sono innamorata e la proverò!!baci,Imma

    RispondiElimina
  49. Favolosi cara Stefania, neppure io conoscevo la ricetta, la proverò al più presto!
    mille grazie e buon pomeriggio ::)))

    RispondiElimina
  50. Una ricetta speciale come tutte le tue! Buona festa a presto

    RispondiElimina
  51. Fantastici i Buchtel o Buchtle (dipende dove li mangi)! Io ci metto anche 2 cucchiai di zucchero, per far lavorare meglio il lievito e perchè uso la marmellata brusca di susine o quella aspra di Sipak (rosa canina).
    Se nel ripieno metto la marmellata di albicocche, allora lo zucchero non lo metto!
    Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  52. Mi piace mi rinnovi le ricette che faceva mia madre. Questa la faceva per portare la merenda a scuola.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...