Se ti piace il mio blog clicca qui

lunedì 16 luglio 2012

Cucina regionale giuliana: ajvar

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Con l'appuntamento di oggi la rubrica di cucina regionale va in vacanza per circa un mesetto, ci ritroveremo infatti tutti qui (spero) a settembre, in quell'occasione la rubrica diventerà da settimanale quindicinale perché si sa che al rientro dalle vacanze si sarà tutti un po' più lenti nella ripresa. Con la speranza di poter trovare a settembre anche nuovi membri delle regioni mancanti, rifacciamo gli occhi con il tema odierno, ed essendo estate un periodo in cui si cerca la leggerezza non potevamo non trattare le verdure di stagione; nel nostro menù italiano ci sono in elenco le seguenti ricette:


CALABRIA: Pipi e patati di Rosa ed Io
CAMPANIA: Zucchine a scapece di Le Ricette di Tina
SICILIA: Peperoni imbottiti di Cucina che ti Passa
TOSCANA: Zucchine a buglione di Non Solo Piccante
LOMBARDIA: Risotto alla vogherese di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO: Peperonata alla veneziana di Semplicemente Buono
PIEMONTE: Tomàtiche a la piemontèisa di La Casa di Artù
EMILIA ROMAGNA: La rustisana di Zibaldone Culinario
TRENTINO ALTO ADIGE: Zucchini ripieni al profumo di lago di A Fiamma Dolce
PUGLIA: Checozze a la poveredde di Breakfast da Donaflor
LAZIO: Pollo con i peperoni alla romana di Chez Entity
LIGURIA: pevion pinn-i di Un’arbanella di Basilico 
UMBRIA: Panzanella di 2 Amiche in Cucina
ABRUZZO: Pipindun arrost di In Cucina da Eva
MARCHE: Zucchine ripiene di La creatività e i suoi colori

e qui da me: FRIULI VENEZIA GIULIA: Ajvar
(post in dialetto e sotto in italiano)


In tutte le ricette pubblicade go zercà de contar la storia della città e della sua influenza sulla cusina della città, ve go contado de ricette istriane, austriache, ungheresi (retaggio della dominazion austro ungarica) e slovene, oggi ve conto de una ricetta che la vien dei balcani e per esser più precisi dalla Serbia. La ricetta de oggi xe l’ajvar, una salsa bonissima fatta con le melanzane, peveroni e se se la vol piccante coi peperoncini. A dir el vero sta salsa se la adopera sempre ma essendo fatta con verdure estive no podevo no proporla.

L’ajvar xe una dele ricette più rappresentative dela cusina serba, difatti in serbia nelle picie città, nei paesetti o villaggi xe difficile trovar sta salsa za fatta, difatti xe tradizion prepararla in casa e dopo ognidun la personalizza metendo più o meno melanzane o peperoncin; a Trieste invece xe el contrario, xe più facile trovarla za confezionada piuttosto che qualchedun che la fa in casa.Xe una salsa che la vien servida sempre, qua in città se la adopera per accompagnar le carni, soprattutto quelle alla griglia, in Serbia e nei balcani a vien adoperada anche spalmada sul pan e in sto caso el pan de riferimento xe la Srpska pogaca, un pan fato con picie balete che lievitando le se taca insieme e vien sempre spacado con le man. La preparazion del’ajvar no la xe veloce, xe una roba longa e difficile, bisogna spelar i peveroni, tararli a tocheti sai pici e cusinarli pian pian con tuti i ingredienti; adesso che ve go contado come che se la fa butemose nela preparazion de sta salsa che la xe presente sulle tavole serbe dalla colazion alla zena, e anche in casa mia gavemo sempre una bella scorta

Mi go adoperado

Un chilo e mezo de peveroni rossi
Mezo chilo de melanzane
Peperoncin q.b. (a seconda che se lo vol slatko, cioè dolce o ljuto, cioè piccante)
Meza testa de aio
Oio de semi de girasol
Scottemo i peveroni in forno finche la pelle no la diventa nera e se la pol cavar con facilità, cavemo anche i filamenti e i semini dall’interno, metemo in forno anche le melanzane dopo gaverle spelade e cusinemole fina a che la polpa no la diventa morbida. Ciolemo una pignata grande e metemo un giro de oio de semi de girasol, zontemo l’aio fato a tocheti e femo sofrizer, metemo le melanzane e femo cusinar per pochi minuti, dopo metemo i peperoncini, i peveroni e femo cusinar per 40-50 minuti regolando de sal e zontando oio se la salsa dovesi sugarse tropo.A sto punto dovessimo gaver in pignata una bella crema che podemo far più omogenea frullando tutto con un frullator a immersion. L’ajvar xe pronto, basta meterlo nei vasi sterilizzadi e conservarli fina a che no i ne servirà. Xe una salsa bonissima, sai più bona e genuina del ketchup.provela!

IN ITALIANO

In tutte le ricette pubblicate finora sulla cucina triestina ho cercato di raccontare la storia della città e le varie influenze a tavola, vi ho raccontato di ricette provenienti dall'Istria, dall'Austria e dall'Ungheria (retaggio della dominazione austro-ungarica), dalla vicina Slovenia e oggi vi racconto di un'altra ricetta proveniente dai balcani e più precisamente dalla Serbia. La ricetta di oggi è infatti l'ajvar una salsa ottima fatta con melanzane, peperoni e, se si vuole piccante, con peperoncini. A dire il vero questa salsa è sempre presente in tutte le stagioni, ma visto che è fatta con verdure estive non potevo non proporla.
L'ajvar dunque è una delle ricette più rappresentative della cucina serba; in Serbia, soprattutto nelle cittadine più piccole o nei paesini e villagetti è difficilissimo reperire questa salsa già confezionata, infatti tradizionalmente la si prepara in casa e ogni famiglia poi la personalizza aggiungendo più o meno peperoncini e melanzane; a Trieste invece è il contrario, è molto più probabile trovare questa salsa già confezionata piuttosto che trovare chi se la prepara in casa. Tuttavia è una salsa che viene sempre servita, qui in città si usa accompagnarla alle carni soprattutto alla griglia, in Serbia  e nei balcani viene usata anche spalmata sul pane, in questo caso il pane di riferimento è la Srpska pogaca una pane fatto a piccole palline che lievitando si uniscono insieme e che viene rigorosamente spezzato con le mani. La preparazione dell'ajavar non è veloce, anzi è lunga e complessa, si deve infatti spellare a mano i peperoni, tagliarli a pezzetti molto piccoli e poi cuocerli molto lentamente con tutti gli altri ingredienti; e adesso che ve l'ho descritta, tuffiamoci nella preparazione di questa ricetta sempre presente nelle tavole delle famiglie serbe dalla colazione alla cena, e anche in casa mia di ajvar ce n'è sempre una bella scorta:

io ho usato:
1 e 1/2 kg di peperoni rossi
1/2 kg di melanzane
peperoncino fresco q.b. (a seconda che si voglia slatko, ovvero dolce, o ljuto, ovvero piccante)
metà testa d'aglio
sale
olio di semi di girasole
Scottiamo i peperoni in forno finché la pelle non diventa scura e si può rimuovere con facilità, rimuoviamo anche dall'interno i filamenti bianchi e i semini. Passiamo in forno anche le melanzane dopo averle sbucciate e cuociamole finché la polpa non diventa morbida. Prendiamo ora una pentola capace e mettiamo un giro di olio di semi di girasole, aggiungiamo l'aglio spezzettato e facciamo soffriggere; uniamo le melanzane e facciamo cuocere per pochissimi minuti, versiamo poi, se vogliamo, i peperoncini e i peperoni e cuociamo per 40-50 minuti regolando di sale e aggiungendo olio se il nostro composto dovesse asciugarsi troppo. A questo punto avremmo nella nostra pentola una bella crema che potremmo rendere più omogenea frullando tutto con un frullatore a immersione. L'ajvar è pronto non resta che metterlo in vasi sterilizzati e conservarlo fino al momento del bisogno. E' una salsa buonissima molto più buona e genuina del ketchup, provatela!

31 commenti:

  1. Oh, I loved this recipe! This looks so tempting!!

    RispondiElimina
  2. Ma che spettacolo cara Stefania, visto che io adoro la salsa rossa, questa potrebbe essere una vera e propria idea geniale per usare i peperoni dell'orto. Mi fai venire voglia di farci colazione (la seconda) con una delizia del genere....slurp

    Grazie per aver condiviso con me questa avventura della cucina regionale! ti adoro!

    RispondiElimina
  3. O che buona anche questa tua ricetta.. Ci vediamo a settembre allora con la rubrica!! baci e buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  4. Da provare sicuramente....
    Grazie Stefania per questa meraviglia di salsa
    e grazie per la tua partecipazione alla rubrica
    è stato davvero un piacere
    Ci rivediamo sicuramente a Settembre
    Un bacioneeeeeeeeeeeeeeee
    Buona settimana

    RispondiElimina
  5. a settembre? beh sì dai, una pausetta ci vuole! questa salsina è troppo buona.. grazie per la ricetta! un bacio a presto

    RispondiElimina
  6. Stefania ma che bella descrizione....mi piace tantissimo! sei favolosa come sempre! buona giornata

    RispondiElimina
  7. Stefania amica mia ma tu sei....veramente incredibile ma guarda o mi vendi qualche tua confezione o vado ad acquistarla pronta quella piccante....ciao cara buona giornata

    RispondiElimina
  8. questa l'ho assaggiata perche' me l'hanno portata a casa degli amici che sono stati in ferie:-) era piccantina e a me piace ma sicuramente fatta in casa e' molto piu' buona:-) baci

    RispondiElimina
  9. Mai mangiata!!!Ma si sa che io quella zona proprio non la conosco!!!!Peccato perchè ci abita una delle più belle persone che conosco ^_^ Devo rimediareeee e ..assaggiare questa delizia!!!!!!Un grande abbraccio amica mia:-)))))

    RispondiElimina
  10. Una salsa molto buona, poi a noi delsud ilpiccante piace molto.Da settembre continuerò a seguire questa rubrica regionale, con molto interesse.Ciao.

    RispondiElimina
  11. non la conoscevo, da provare al posto del ketchup , genuina e saporita, baci e buona giornata

    RispondiElimina
  12. ce l'ho sempre a casa ma da adesso la farò io, grazie ! Buona giornata...

    RispondiElimina
  13. che buona questa salsa..è sicuramente da provare..
    baci

    RispondiElimina
  14. ho fatto ieri peperoni in forno talmente tanti che mi sarebbero bastati per fare anche questa...deve essere buonissima...tu ad un certo punto della spiegazione dici: "versiamo poi, se vogliamo, i peperoncini e i peperoni e cuociamo" perché dici "se vogliamo?" sembra che si possano omettere i peperoncini...me lo dici ho intenzione di farla...bacio

    RispondiElimina
  15. Buonaaa! Soprattutto con la carne arrosto o spalmata sul pane!

    RispondiElimina
  16. Ciaoo cara sei stata super brava!davvero!un altra ricetta da segnare!un abbraccio grande ciaoo

    RispondiElimina
  17. Ma che bella salsa!!! Il colore mi piace tantissimo e credo proprio sia di mio gradimento anche il gusto visti gli ingredienti!!!!!
    Bacioni e felice settimana!!!!

    RispondiElimina
  18. Il bello è che mi leggo sempre tutto in dialetto, il più delle volte non capisco molto ma mi piace troppo!
    La salsa è meravigliosa, amo gli ingredienti peperoncino compreso, e me la segno, dev'essere buonissima anche sul lesso!
    A presto, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  19. mamma miaaaaaaa! questa la devo provare! che colore brillante! mi fa pensare ad un piatto messicano super piccante! gnammm!

    RispondiElimina
  20. Questa salsa è meravigliosa!! Devo assolutamente provarla, altro che ketchup!! Grazie mille Stefania, ogni volta ci sveli qualche segreto della splendida zona di confine dove vivi, rendendo tutto molto interessante e gustoso!! Buonissime vacanze, a presto, Barbara

    RispondiElimina
  21. cara Stefania...questa salsa è fantastica...adorando sia i peperoni che il piccante...quella fetta di pane me la sto gustando con gli occhi!
    un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  22. Quesat salsa sembra davveroi invitante; già al gustiamo su crostini, in accompagnamento a una bella grigliata, su bel panino.... Ricetta già copiata!!
    Buona estate.

    RispondiElimina
  23. Ciao Stefi, questa salsina mi ha incuriosito con il suo nome, attirato con il suo colore e sedotto con gli ingedienti.... ah potessi essere lì a gustarmi con te quella bella fettina di pane e raccontare raccontare raccontare. Ciao bimba con il grembiulino rosa, un bacio grande

    RispondiElimina
  24. Non ne avevo mai sentito parlare...splendida ricetta, sicuramente da provare, grazie ...queste informazioni sulle tradizioni e gli influssi dei paesi limitrofi sono un valore aggiunto alla nostra rubrica...ci vediamo a settembre!!!! baci

    RispondiElimina
  25. Stefy... è la prima volta che sento nominare questa salsa e naturalmente la cosa mi ha incuriosito! Mamma mia quante cose della nostra Italia non conosciamo! E questa rubrica ci ha sicuramente arricchito tanto e continuerà a farlo da settembre. Anche con te è stato un piacere e grazie anche per i consigli e suggerimenti dati per la cucina laziale, vista la tua duplice veste, visto che sei anche per metà viterbese! Un abbraccio grande e a settembre si ripartirà alla grande!!

    RispondiElimina
  26. questa salsa mi piace da impazzire, grazie cara Stefania della ricetta!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Stefania cara ma WOW!! che salsa tesoro, mi strapiace!!!!
    complimenti davvero, non si poteva concludere in meglio il nostro appuntamento regionale prima della pausa estiva!!!
    e settembre ancora più cariche!!!
    bacionii

    RispondiElimina
  28. Che bello il colore rosso di quel crostino.. è assolutamente irresistibile!!!

    RispondiElimina
  29. Io lo fatta è buonissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho fatta e mangiata . Buonissima !

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...