Se ti piace il mio blog clicca qui

mercoledì 20 novembre 2013

Cucina giuliana: Minestron de risi e patate

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Come ogni 20 del mese in 20 blogger, una per ogni regione d'Italia, ci riuniamo virtualmente per rendere omaggio alla cucina regionale tradizionale; ogni appuntamento corrisponde a un tema di volta in volta diverso, in questa occasione viste anche le basse temperature abbiamo scelto di presentare piatti a lunga cottura, quelli che riscaldano la casa con i loro profumi ma anche con il loro stare a lungo sul fuoco.

Come al solito qui da me trovate la ricetta sia in dialetto triestino che in italiano, e in fondo l'elenco delle altre regioni e dei loro piatti.



Per sto appuntamento go deciso de presentar un bel minestron caldo che nele giornade fredde e piovose iuta a scaldarne anche l’anima. I ingredienti xe quei comuni che se trova in ogni casa, qua a Trieste xe possibile trovar sto minestron in quei locai che i presenta nei menu anche i piatti più poveri della tradizion culinaria triestina. Per farlo ne servirà:

250 gr  de riso de minestra
500 gr de patate
1 zivola
1 foia de lavarno
1 cuciar de farina
1 cuciar de salsa de pomidoro
Oio extravergine de oliva
Sal, pevere
Brodo vegetale

Taiemo finemente la zivola e femola rosolar in una pignata con bastanza oio extravergine de oliva; taiemo a tocheti le patate, passemole nella farina e dopo tocemole in pignata. Femo cusinar per 20 minuti misciando ogni tanto. Passado sto tempo zontemo tanto brodo vegetale quanto servi per coverzer le patate e zontemo la salsa de pomidoro e la foia de lavarno e femo cusinar a fiamma medio-bassa per 1 ora. A fine cottura metemo anche el riso e lasemo sobboir per el tempo che servi perch el se cusini, zontandoghe un poco de brodo se el se dovesi sugar tropo.

Xe un piatto bonissimo de magnar caldo.

IN ITALIANO

Per questo appuntamento ho deciso di presentare un bel minestrone caldo che nelle giornate fredde e anche un po' piovose contribuisce a riscaldarci anche l'anima. Gli ingredienti sono quelli comuni che in ogni casa si trovano, qui a Trieste è possibile trovare questo minestrone in quei locali che presentano nel loro menù anche i piatti più poveri della tradizione culinaria locale. per farlo occorrono:

250 gr di riso da minestra
500 gr di patate
1 cipolla
1 foglia di alloro
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
olio extravergine di oliva
sale, pepe
brodo vegetale
Affettiamo finemente la cipolla e facciamola rosolare in una pentola con abbondante olio extravergine di oliva; tagliamo a tocchetti le patate, passiamole nella farina e poi tuffiamole nella pentola. Facciamo cuocer per 20 minuti, mescolando di tanto in tanto. Trascorso questo tempo aggiungiamo tanto brodo vegetale quanto ne occorre per coprire le patate, la salsa di pomodoro e la foglia di alloro e facciamo cuocere a fiamma medio bassa per 1 ora. A fine cottura, uniamo anche il riso e lasciamo sobbollire per il tempo necessario a portare a cottura il riso, aggiungendo dell'ulteriore brodo se la pentola dovesse asciugarsi troppo.
E' un piatto buonissimo da gustare caldo.

Qui le altre regioni che partecipano alla raccolta:

Valle D'Aosta- Fessilsuppu, zuppa di Issime  -  Cinzia ai fornelli
Piemonte - Tonno di coniglio  la casa di Artù
Lombardia - Salàmin e Custine cun le Verse- Le delizie della mia cucina
Trentino Alto Adige  - Gulash di manzo alla trentina A fiamma dolce
Emilia Romagna - Ragù alla Bolognese -  Zibaldone culinario
Liguria - Menestron co-o pesto -Un'arbanella di basilico
Toscana - Chiocciole alla nepitella Non solo piccante
Umbria -  Porchetta  2 amiche in cucina
Marche -  Vincisgrassi alla marchigiana La creatività e i suoi colori
Abruzzo -Trippa alla pennese- In cucina da Eva
Molise -Ragù misto di maiale-  La cucina di mamma Loredana
Lazio - Stufatino alla romana con il "sellero" - http://elly-chezentity.blogspot.it
Campania -Braciola ripiena con l'uovo  - I sapori del mediterraneo
Puglia - Brasciole alla barese  Breakfast da donaflor
Basilicata - Pane di Matera http://blog.giallozafferano.it/sognandoincucina
Sicilia - Stracotto alla palermitana Cucina che ti passa
Sardegna - Zuppa di fave e spinaci Arte in cucina

35 commenti:

  1. un must in casa mia...procedimento diverso...segno la tua ricetta!
    bacione

    RispondiElimina
  2. mamma mia come sembra buona! A casa mia le zuppe sono stra-amate! Devo rifarla assolutamente e poi non sembra difficile! Farò la gioia di mio marito!

    RispondiElimina
  3. Con questo freddo un piatto simile scalda davvero l'anima oltre che il pancino!
    Ingredienti facili da trovare, un piatto povero ma ricco di sapore. Amo i piatti della tradizione quando sono così, sono sempre i più buoni complimenti!!!!
    un bacio

    RispondiElimina
  4. Inizio il giro da te e sono già inebriata dall'idea di questo piatto fumante!
    Baci

    RispondiElimina
  5. ottimo! l'alloro aiuta a digerire, ma mangiato nel riso lo vorrei provare! appena inizia a fare più freddo lo provo di sicuro, prima devo prendere un po di alloro però! Mi è finito :(

    RispondiElimina
  6. adoro queste tue proposte giuliane ! un bacione....

    RispondiElimina
  7. Oddio, dall'aspetto sembra molto invitante..voglio provare a farla anche io!!

    RispondiElimina
  8. Eccomi pronta con cucchiaio in mano! una bella minestra calda ci vorrebbe proprio, oggi qui diluvia e l'umidità entra nelle ossa...
    adoro sempre la lettura del post in dialetto!

    RispondiElimina
  9. Io questa la mangerei anche con il caldo. Mi piace troppo.

    RispondiElimina
  10. Non mi sono resa conto all'inizio che stavo leggendo la lista degli ingredienti in dialetto e cominciavo a chiedermi che ingredienti strani avevi usato per questa minestra... :-) Poi scorrendo ho scoperto dove stava il mistero!
    Mi piacciono troppo le minestre calde a base di verdura durante l'inverno (anche se ammetto che ogni tanto non so resistere e le mangio anche in estate...).
    Ho quasi scelto la ricetta!!! Nel fine settimana decido!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  11. Ottima zuppa!!! Ho l'acquolina e con la neve sarebbe proprio l'ideale Stefania :-)!! Bravissima, una vera delizia!!

    RispondiElimina
  12. Che forte!! Quanto mi piace vedere il confronto tra il dialetto e l'italiano! Una zuppetta da fare in questi giorni umidi e bigi, mette tepore solo a vederla :)

    RispondiElimina
  13. Anch'io all'inizio non ho capito che la ricetta era scritta in triestino! :-) Comunque riso e patate mi piace tanto e la prossima volta farò la tua ricetta! Un bacio

    RispondiElimina
  14. Queste sono le ricette che scaldano sia il corpo che l'anima.

    RispondiElimina
  15. Riso e patate , una ricetta che preparo spesso nel periodo invernale. La mia ricetta è leggermente diversa dalla tua , la mia ddiferisce solo perchè è in bianco , senza pomodoro. Segno e provo la tua ricetta. Un abbraccio, buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  16. riso e patate un piatto ricco anche della cucina campana, che buono!!!

    RispondiElimina
  17. che buona questa minestra, ideale per le giornate fredde, da provare!

    RispondiElimina
  18. non sono un amante delle minestre ma questa versione la mangerei molto volentieri!!

    RispondiElimina
  19. ci vuole proprio un bel piatto caldo come questo per l'inverno

    RispondiElimina
  20. hai ragione, questo piatto semplice scalda l'anima, un bacio

    RispondiElimina
  21. Buonissimo anche il tuo minestrone, Stefy, fa calore già a guardarlo, viene voglia di prendere la scodella e tenerla fra le mani per scaldarsele.... bacioni

    RispondiElimina
  22. Secondo me si "può" anche usare l'olio evo ma se vogliamo cuocere i piatti della tradizione triestina, specie i minestroni invernali, sarebbe più giusto usare il lardo affumicato, sia soffritto che battuto che conferisce al piatto un gusto completamente diverso dall'olio.

    Ovvio che se uno ha problemi di colesterolo è meglio usare l'olio evo e crudo.

    Io come aromi, in questa minestra ci metto, verso la fine cottura, un po' di cumino tritato e maggiorana.
    Ciao Martina

    RispondiElimina
  23. che bontà..un piatto così stasera lo avrei mangiato molto volentieri...!!rubo la ricetta

    RispondiElimina
  24. domani mi metto all'opera e rifaccio la tua ricetta passo passo

    RispondiElimina
  25. Questi sono i piatti che ci accompagneranno nelle giornate fredde,ho la fortuna che questo minestrone riso e patate lo si fa anche nella mia famiglia, buonissimo sia caldo che riscaldato.
    A presto

    RispondiElimina
  26. un piatto semplice ma buonissimo, particolare l'alloro, gli darà un tocco di profumo in più! ciao cara!

    RispondiElimina
  27. davvero di stagione, sono i piatti antichi sempre gustosi e sani! complimenti!

    RispondiElimina
  28. il minestrone mi piace tanto!devo provare questa variante!

    RispondiElimina
  29. E' uno dei miei piatti preferiti!!!! E non potrei rinunciare..al tuo!!! Primo o poi..lo preparo!!!un bacione amica mia

    RispondiElimina
  30. Che bella iniziativa riscoprire la cucina regionale attraverso le ricette tipiche e raccontarla in dialetto.

    RispondiElimina
  31. mi hai fatto venire voglia di minestrone...è da tanto che non lo preparo, ma la prossima volta seguo la tua versione, immagino che profumino!
    un bacione

    RispondiElimina
  32. Bella ricetta, adatta alla stagione in cui siamo, molto carina anche l'idea della "doppia lingua", i nostri dialetti sono un patrimonio da custodire e ricordare ;-)

    RispondiElimina
  33. Un piatto davvero invitante!!!! Brava!

    RispondiElimina
  34. Una favolosa minestra della tradizione, bravissima!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  35. a casa mia le zuppe in inverno vanno tantissimo. Io preparo "pasta e patate" ... prendo nota per la felicità di mio marito che mangerebbe sempre patate :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...